Mattarella: Mogherini fiduciosa, ma a Bruxelles dichiarazioni preoccupate

In Rilievo

Gli ultimi sviluppi della situazione politica in Italia sono un governo fallito e uno nuovo, guidato dall’ex commissario per la spending review Cottarelli, che dovrà affrontare l’ordinaria amministrazione.

Un uomo già dell’Fmi, che è stato chiamato poco dopo aver dato la notizia di  morte al governo giallo-verde che in un attimo è diventato rosso dalla rabbia. Tra accuse di empeachment e appelli al voto subito, dall’estero ci stavano guardando.

Fiducia è stata espressa nelle istituzioni italiane dall’Alto Rappresentante dell’Ue per gli Affari Esteri, Federica Mogherini, ma è il capo della diplomazia spagnola Alfonso Dastis ad aver rilasciato dichiarazioni preoccupate.

Vediamole.

“Ho piena fiducia, come credo tutti gli italiani, nelle istituzioni italiane, a partire dal presidente della Repubblica, che è il garante della Costituzione, che è una Costituzione fantastica, molto solida”, ha detto Mogherini ai giornalisti, aggiungendo di essere “fiduciosa che le istituzioni italiane e il presidente della Repubblica dimostreranno come sempre di servire l’interesse dei cittadini italiani, che coincide con il rafforzamento dell’Unione europea”. L’Alto Rappresentante ha poi sottolineato che “il livello di fiducia che gli italiani hanno nell’Ue è salito negli ultimi giorni, è al 41%: credo – ha osservato – che sia una cosa sulla quale dovremmo tutti riflettere”.

Di tutt’altro tono è il ministro degli Esteri spagnolo Alfonso Dastis, per lui “è ovvio che non fa bene” all’Ue l’attuale situazione italiana.

“In questa fase in cui eravamo immersi in un processo di riforma dell’Eurozona e di rafforzamento dell’Ue davanti alle minacce populiste e nazionaliste, non contribuisce a rafforzare l’immagine, l’idea e la stabilità dell’Europa”. Il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini, riconoscendo che “naturalmente è una questione che riguarda l’Italia, che è un Paese sovrano”, ha osservato: “Non sembra molto facile ora formare un governo. Tuttavia temo che, se ci saranno nuove elezioni, potrebbe esserci lo stesso tipo di risultato”. Comunque, ha concluso, “sta agli italiani trovare una soluzione”. Il tedesco Michael Roth, da parte sua, ha espresso la speranza “che presto l’Italia abbia abbia un governo stabile ed europeista”. Ma, ha aggiunto, la Germania non può certo dare lezioni su questo a Roma: “Noi ci abbiamo messo sei mesi per fare il governo”. Amen.

Intanto il M5s ancora oggi sta attacando a muso basso. “Quando l’Assemblea discuteva dell’articolo 92 della Costituzione il Presidente Terracini sottolineo’: ‘E’ assurdo pensare che il Presidente della Repubblica possa presumere di scegliere egli stesso i Ministri‘. I padri costituenti censuravano ogni deriva. Mattarella se ne pentira’. #NonFinisceQui”. ha scritto su Facebook il deputato Questore di Camera Riccardo Fraccaro del Movimento 5 Stelle, allegando il resoconto stenografico dell’Assemblea Costituente del 9 gennaio 1947 con il monito di Umberto Terracini.

Una sola certezza, l’Italia è senza un governo nel pieno delle sue funzioni da gennaio. Dal 4 marzo il Paese è proprio  senza governo. Lavorare per il popolo sta diventando una faticaccia.

LEGGI ANCHE L’INTERVISTA A GOTTI TEDESCHI 

 

Condividi!

Tagged