Heather Parisi contro Stefano Gabbana. L’ultima accusa allo stilista di una star

Gossip In Rilievo

Heather Parisi contro Stefano Gabbana che avrebbe attaccato per primo l’ex ballerina più amata dalla tv (almeno mediaticamente così risulta).

E’ successo tutto per colpa dei social, dove lei è stata aspramente criticata dallo stilista che ha commentato una foto dove era ritratta così: “Ma sta str….a ancora che gira???”.

La replica è arrivata a stretto giro e sul blog dell’ex giudice di Amici. Ecco la risposta molto dura che non si è fatta attendere: “C’è un pazzo sui social che si spaccia per Stefano Gabbana oppure Stefano Gabbana sui social ha deciso di dichiarare al mondo intero la sua precoce demenza senile”, ha scritto la bionda showgirl. “La lista delle sue farneticazioni è lunga e di lunga data” ha poi scritto.

E sì perché Heather, per rafforzare la sua difesa, ha deciso di ricordare ai fan tutte le critiche che Stefano nel tempo ha deciso di elargire alle star: “Ultimi della lista, Miley Cyrus definita ‘una ignorante’, Selena Gomez complimentata con la definizione di ‘è proprio brutta’, e adesso anche la sottoscritta, Heather Parisi, definita ‘stron*a’. Il tutto senza apparente motivo. Stefano Gabbana è uno di quei ‘closet case’ che anche dopo aver fatto ‘coming out’, vive la propria sessualità con la rabbia e la frustrazione dell’omofobico. Che cattivo esempio di uomo, di gay e di italiano”.

Insomma accuse e controaccuse pesanti che sicuramente raccontano di un rapporto non idilliaco tra i due.

Chissà come la prenderà Gabbana, che però si mostra allegro e felice su Instagram mentre fa ginnastica e scrive l’hashtag #gentecheridediolaiuta… Come a dire, che ignora per ora.

 

Condividi!

Tagged
Marta Moriconi
La velocità e la capacità di individuare subito la notizia sono le mie qualità. Sono laureata in Giurisprudenza con il massimo di voti ma lascio la pratica forense e i Tribunali ben presto per gettarmi nella mia passione. Inizio la carriera nel monitoraggio radiotelevisivo, passo per gli uffici stampa, arrivo ai giornali online