Cassazione: “Se ubriaca volontariamente, stupro è senza aggravante”. Ira delle donne

Politica

Sentenza choc della Cassazione: “Se la vittima è ubriaca per aver assunto volontariamente alcol, lo stupro è senza aggravante”. Attenzione però, non è che non ci sia stata violenza: resta la violenza sessuale ma manca il “valido consenso” per l’aggravante, perché dev’essere chi compie lo stupro a usare l’alcol “somministrandolo alla vittima”.

IL CASO

Sicuramente una novità della giurisprudenza che farà discutere ora che la Cassazione ha rinviato a nuovo processo un caso di stupro di gruppo, al fine di rivedere la pena al ribasso. Il caso riguardava due 50enni ai danni di una ragazza: i tre erano andati a cena e la donna aveva bevuto al punto da “non riuscire ad autodeterminarsi”. E’ stato dopo che al pronto soccorso aveva dichiarato in modo confuso l’accaduto che è scattata la procedura di indagine.

LA STORIA GIUDIZIARIA

Il gip di Brescia aveva ritenuto la vittima non attendibile, assolvendo i due 50enni in primo grado nel 2011. La Corte d’Appello di Torino basandosi sul referto del pronto soccorso che parlava di leggeri segni di resistenza, aveva condannato i due uomini a tre anni.

LA CASSAZIONE

Per la sentenza 32462 della terza sezione penale, la Cassazione ha spiegato che la “violenza sessuale di gruppo con abuso delle condizioni di inferiorità psichica o fisica” dal momento che mancano le condizioni a prestare “un valido consenso” visto che versa “in uno stato in infermità psichica”, a prescindere da chi l’abbia determinato e anche se la vittima ha assunto alcol volontariamente.

Ancora: “L’assunzione volontaria di alcol esclude la sussistenza dell’aggravante”, e il relativo aumento di pena nel caso di uso di sostanze alcoliche o stupefacenti, poiché “deve essere il soggetto attivo del reato” ad usare l’alcol per la violenza “somministrandolo alla vittima”. Quindi, “l’uso volontario, incide sì sulla valutazione del valido consenso, ma non anche sulla sussistenza aggravante”.

SOCIAL

Non l’ha presa bene la ret, che per la maggioranza, non comprende la scelta di non imputare lo stupro a questi casi legati ad assunzione di alcol su base volontaria.

Ecco alcune riflessioni:

Condividi!

Tagged