Cos’è la pace fiscale? Ne parlano Conte e Brunetta, con differenze

1 minuto di lettura

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una intervista a “La Verità” ha finalmente chiarito il concetto di pace fiscale…. anzi no, secondo Brunetta. Andiamo a vedere la polemica.

Reddito di cittadinanza, flat tax e riforma della Fornero: sono tutti punti qualificanti della Manovra. Ma il tema più discusso è un altro: quello della pace fiscale: “Stiamo valutando la soglia – avverte Conte – ma è imprescindibile. Siamo d’accordo che oggi il fisco è iniquo e inefficiente. E allora se concordiamo su questa diagnosi, concordiamo anche sul fatto che dobbiamo partire con un progetto organico di riforma, basato su una nuova alleanza tra cittadino e fisco. Il fisco non deve essere visto come nemico”.

Ma attenti, il governo giallo verde non è amico degli evasori: “Infatti noi daremo forti segnali contro l’evasione e l’elusione, come previsto dal contratto di governo. L’inasprimento delle pene è un tassello fondamentale della nostra riforma fiscale”.

Dunque, chi collabora alla “pace” bene, ma sarà monitorato e se sbaglia paga. Perchè inasprimento delle pene significa manette agli evasori, anche se è una sintesi giornalistica.

Ma sarà o no un condono? Ieri sera da Barbara Palombelli su Rete Quattro si è parlato sopratutto di questo e oggi, a distanza di 24 ore Conte sembra inserirsi con quel dibattito col giornalista Caprarica grande accusatore di Di Maio: “Condono significa fare cassa – spiega il premier – consentendo a tutti i furbi e i disonesti una via d’uscita, lasciando le cose come stanno. Come è stato fatto in passato. Noi proponiamo un meccanismo totalmente diverso dove l’azzeramento delle pendenze e’ funzionale per partire con un nuovo rapporto con il fisco”. La soglia è di 1 milione di euro.

Tante spiegazioni, ma Renato Brunetta di Forza Italia non si accontenta. Essere coerenti tra parole e fatti significa a questo punto far entrare nella ‘pace fiscale – condono’ solo le cartelle esattoriali per ‘omesso versamento di tributo dichiarato‘ con sanzioni al 30% emesse direttamente sulla base dell’incrocio dei dati tra dichiarazione presentata e versamenti omessi, senza bisogno di accertamento fiscale a monte per far emergere il non dichiarato” dichiara in una nota il forzista.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tria sul tetto (dell’1,6) che scotta: il rischio dimissioni

Articolo successivo

Tria e la partita a tre (Salvini, Di Maio, Quirinale). Ecco perché non può dimettersi

0  0,00