Ostia, Angeli e Spada: nuove cronache romane di sgomberi

2 minuti di lettura

Quando un diritto sembra una conquista. Una casa popolare di Ostia è stata sgomberata oggi e fa notizia perchè era occupata da Vincenzo Spada e da uno dei nipoti del boss Carmine come segnala il primo cittadino di Roma, e sarebbe stata già riassegnata e consegnata nel pomeriggio ad un nucleo familiare che ne aveva diritto e che aspettava in graduatoria.

Tutto bene dunque? Questa famiglia potrà vivere serena in questo appartamento, lo Stato ha garantito quel diritto ma pure il futuro dovrà garantire.

Quel che si è visto però è il grave clima a Ostia, dove Federica Angeli è stata aggredita  per il suo impegno giornalistico. Il sottosegretario di Stato all’Interno Luigi Gaetti ha parlato delle due donne che sarebbero state, infatti, denunciate dalla polizia per insulti e minacce dirette alla cronista di Repubblica.

“Le donne segnalate sono moglie e cognata del boss”, ha riferito il sottosegretario, avvertendo: “Ad Ostia la mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano deprecabile e come tutti i fatti umani dello stesso tenore deve essere stroncato”.

Anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha voluto esprimerle la sua solidarietà ringraziando il comandante della polizia municipale Antonio Di Maggio e tutte le forze dell’ordine per il pronto intervento: “Estirperemo la mentalità mafiosa da Roma – ha promesso – il cambiamento culturale continua”.

Intanto è bene informare che si è aperto davanti alla seconda corte d’Appello di Roma il processo sul racket delle case popolari legate al clan Spada di Ostia. Nel procedimento oltre al Comune, la Regione e l’associazione antimafia Libera, saranno parte civile i due collaboratori di giustizia Michael Cardoni e Tamara Ianni, i cui familiari sono stati di recente vittima di intimidazioni. Sette gli imputati accusati, a vario titolo. Il tutto aggravato dall’accusa  del metodo mafioso.

Annalisa Barbier

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, Dottore di Ricerca in Neuropsicologia con specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Ho maturato un’esperienza presso strutture pubbliche come il Policlinico "Agostino Gemelli" e la Fondazione "Don Carlo Gnocchi" ed esercitando la libera professione. Dal 2006 ho accolto le tecniche di consapevolezza Mindfulness nella mia vita e nel 2004 sono diventata socio Fondatore e Segretario dell'Associazione "LA VOLPE NASCOSTA", nata per insegnare a riconoscere e gestire la manipolazione patologica. Dal 2016 collaboro presso l'INPS in qualità di Operatore Sociale/Esperto Ratione Materiae. Scrivo di psicologia, benessere e coppia per Lo Speciale per aiutare le persone a migliorare la loro vita attraverso un percorso di conoscenza, consapevolezza, crescita ed integrazione di sé.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Primarie Pd. Arriva Richetti, il diversamente renziano

Articolo successivo

Al via la 4/a edizione di Presente Italiano

0  0,00