Torna il pandoro Melegatti, operai in fabbrica. Come esultano sui social

Politica

Il Pandoro Melegatti ce l’ha fatta, anzi ce l’hanno fatta gli operai. Riapre lo stabilimento con 35 dipendenti a tempo indeterminato. Ora l’azienda è di proprietà della famiglia veneta Spezzapria.

Ovviamente un’impresa familiare, tipica italiana, perché l’uomo insieme al figlio ha voluto dare un futuro allo storico marchio e anche agli operai che rischiavano il posto.

Pietro Grasso twitta subito: “Ho seguito da vicino la storia della nei mesi scorsi. Dei lavoratori che non si sono arresi tenendo vivo il lievito madre. Degli italiani che hanno sostenuto l’azienda in una gara di solidarietà. Per questo la notizia di oggi mi riempie di gioia”.

Il sottosegretario alla Funzione Pubblica invece vuole sottolineare un dato storico: “Pochi in Italia sanno che il primo Pandoro lo inventò proprio #Melegatti. Oggi, dopo 124 anni, in seguito ad una grave crisi aziendale Melegatti riparte. Complimenti alla nuova gestione, tutta Made in #Veneto”.

“Una bellissima notizia per l’imprenditoria italiana” esulta invece Giorgia Meloni, e che si deve anche a una campagna, che sui social è diventata virale, per sostenere la crisi aziendale e contro i licenziamenti. E ora, sempre attraverso post, “a natale acquistate #Melegatti”, scrivono gli italiani. Il messaggio è: aiutiamo quest’imprenditore che ha salvato un azienda italiana dal fallimento.

Insomma quest’anno il panettone e pandoro parlano veneto, almeno a leggere i social.

 

Condividi!

Tagged