E se Bolsonaro non avesse sempre torto? In Brasile è cambiamento

Esteri Politica

Condividi!

In carica da appena due giorni, il nuovo presidente del Brasile Jair Bolsonaro sembra aver già tolto a Donald Trump lo scettro di uomo politico più odiato dalla sinistra liberal. E in effetti le sue dichiarazioni su omosessuali, donne, cittadini discendenti da schiavi africani farebbero arrossire il più stravagante dei commentatori conservatori. Però, ora che è al potere, sarebbe bene cominciare a valutarne i primi atti.

Che non sembrano tutti terribili come li si sta dipingendo.

Una delle prime misure prese dal nuovo presidente è lo smantellamento della legislazione vigente sulle aree amazzoniche protette perché abitate da popolazioni indigene.

Queste zone, che occupano il 13% del territorio nazionale e sono più estese di un paese europeo di medie dimensioni, sono oggi quasi del tutto indipendenti dalla giurisdizione brasiliana, gestite di fatto da organizzazioni non governative che non devono rendere conto del loro operato. Una situazione che sarebbe giudicata inammissibili da qualunque stato occidentale. Bolsonaro ha deciso di cambiare lo stato delle cose decretando un ordine esecutivo che trasferisce l’amministrazione delle riserve al Ministero dell’agricoltura.

I suoi detrattori lo hanno accusato di voler facilitare la deforestazione di queste aree, dimenticando però che pure durante gli anni della presidenza del sindacalista Lula il disboscamento non si è fermato: nel solo 2004 la foresta Amazzonica perse 27mila chilometri quadrati (8mila nel 2018). Di sicuro Bolsonaro non è un ambientalista e le sue proposte di diminuire le multe per chi danneggia la foresta destano preoccupazione, ma l’idea di riportare le aree protette sotto la piena sovranità brasiliana non sembra insensata.

Gli indigeni oggi non hanno accesso a cure mediche, non votano, non hanno diritti. I loro interessi sono “garantiti” da ong delle quali loro stessi non hanno mai sentito parlare. Che Bolsonaro possa peggiorare le cose, è possibile. Che stiano bene così come sono, è discutibile.

Massimo Spread

Tagged