Globalismo ko. Basta piangere sul latte versato, tocca agli agrumicoltori

3 minuti di lettura

Basta piangere sul latte versato. L’avevano promesso, lo stanno facendo: “Lavoriamo per chiudere la trattativa che è la cosa più importante per restituire serenità alle famiglie e alle aziende” ha affermato Ettore Prandini, Presidente della Coldiretti, dopo il vertice a Roma con il vice premier Matteo Salvini ed il Ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio.

I problemi della pastorizia sarda e il prezzo del latte per il pecorino che è stato riaggiornato coinvolgono 12mila aziende dove si trova il 40% delle pecore allevate in Italia. Un campo minato che rischia di saltare. Tuttavia un tavolo c’è. Ma la prima proposta degli industriali di un acconto a 70 centesimi al litro ed era inaccettabile e irricevibile.

Ribadiamo – ha aggiunto Prandini – la posizione giusta dei pastori per arrivare a 1 euro al litro più Iva”. E’ questa la somma che può sboccare il “latte versato” nelle strade da giorni a giorni.

D’altronde 70 centesimi al litro non copre neppure i costi dell’alimentazione degli animali, “soprattutto – ha continuato Prandini – se si tiene conto del passo importante fatto da Governo e Regione che hanno messo sul piatto decine di milioni di euro per ritirare il formaggio, ridurre le scorte e far salire i prezzi”.

Riusciranno i nostri “eroi” quotidiani, quelli che ci assicurano latte di buona qualità e italiano, destinato per il 60% alla produzione di pecorino romano (Dop), a raggiungere i propri obbiettivi?

Intanto la protesta passa per whatsapp con i video degli agrumicoltori del Campidano e dell’Ogliastra che gettano in pasto ai maiali le arance e per strada di fronte ad un centro della Grande distribuzione organizzata. Altra disperazione per colpa dell’importazione di frutta e verdure dal continente e dalla sponda settentrionale dell’Africa.

D’altronde ottiene rispetto chi si fa rispettare, no? E il tempo del compromesso sembra essere finito.

Qui il problema non è il globalismo in quanto tale, ma che per una qualità di seconda mano, si rinuncia e si mette alla fame non chi produce male o poco, ma chi produce con costi differenti e con processi più selezionati. Ma si può continuare a punire i migliori? Se poi chi si affama è chi è del proprio Paese, beh è una politica che va rivista.

Marta Moriconi

La velocità e la capacità di individuare subito la notizia sono le mie qualità. Sono laureata in Giurisprudenza con il massimo di voti ma lascio la pratica forense e i Tribunali ben presto per gettarmi nella mia passione. Inizio la carriera nel monitoraggio radiotelevisivo, passo per gli uffici stampa, arrivo ai giornali online.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Auguri Totò, la rete festeggia il Principe della risata così – VIDEO e FOTO

Articolo successivo

La settimana di Paolo Fox, LEGGI l’oroscopo dal 18 al 24 febbraio

0  0,00