acquisto sicuro levitra antibiotico generico per vie respiratorie pomata oftalmica antibiotica prezzo prendo enalapril20ml atorvastatina 80ml lansoprasolo30ml posso prendere viagra kamagra originale online spedra cialis viagra levitra prezzi porno infermiera da pillola viagra al paziente comprare antibiotici in albania farmacia on line viagra pzifer farmaco naturale tipo viagra ricetta medica per cialis antibiotici per gengive infiammate senza ricetta xeden antibiotico prezzo levitra generico non funziona come si chiama la pastiglia per disfunzione erettile tipo cialis pomate farmacia contro disfunzione erettile nuovi farmaci per la cura della disfunzione erettile viagra in farmacia italia monuril antibiotico on line acquisto comprare cialis su amazon effetti collaterali farmaci antidepressivi nuovo farmaco viagra pomata antibiotica acne senza ricetta farmaci antivirali contro herpes elenco farmaci antidepressivi più usati antibiotico e pillola medicitalia viagra o cialis costi farmacie italiane cialis cheap viagra online uk viagra originale o generico supracef antibiotico prezzo prendere troppo viagra farmaci antivirali polmonite italia consumo antibiotici in europa quale posto quante pastiglie di antibiotico
/

Reddito di cittadinanza, De Stefani (AIDR): vi spiego perché il Garante Privacy non ha bocciato il decreto

3 minuti di lettura

In questi ultimi giorni la stampa nazionale ha riportato la notizia della bocciatura da parte del Garante della protezione dei dati personali del decreto sul reddito di cittadinanza.

La procedura prevista per l’attribuzione del reddito di cittadinanza, infatti, è una procedura complessa e articolata che prevede l’analisi, l’incrocio e il monitoraggio di dati personali al fine di prevenire e combattere potenziali truffe ai danni dello Stato.

In questo sistema si inserisce il GDPR, normativa europea che prevede principi generali per la protezione degli stessi e che impone l’adozione di misure idonee e adeguate al fine di garantire una reale ed efficace tutela dei dati personali.

L’art. 1 del Regolamento Europeo 679/2016, in particolare, riconosce i dati personali come diritto fondamentale dell’uomo.

Leggendo, tuttavia, la memoria depositata dal Garante alla commissione permanente del Senato si scopre che non si tratta di una bocciatura, come riportato da molti giornali, ma piuttosto di un’analisi del testo del decreto che evidenzia alcuni punti fondamentali per il corretto trattamento dei dati prevedendo testualmente che “le disposizioni in esame dovrebbero essere attuate previa un’attenta opera di valutazione dei rischi, in conformità a quanto richiede il Regolamento europeo (artt. 25 e 35). In particolare, anche in sede attuativa, dovranno essere puntualmente definiti i presupposti per l’avviamento di tali attività di monitoraggio e individuati le tipologie di controllo, i criteri per la classificazione dei comportamenti anomali, nonché i soggetti legittimati allo svolgimento di tali attività, le garanzie per gli interessati e i tempi di conservazione dei dati”.

Questo significa unicamente che se da un lato la procedura prevista per il reddito di cittadinanza comporta il trattamento, inevitabile, di dati personali su larga scala (si noti trattamento imposto dalla necessaria verifica per la prevenzione di indebite e illegittime percezioni di erogazioni pubbliche) dall’altro in sede attuativa e di conversione dovranno essere adottate tutte le misure idonee a garantire la tutela dei dati personali degli interessati.

Si tratta in buona sostanza di bilanciare diversi e opposti interessi: l’interesse generale alla realizzazione di obiettivi di uguaglianza sostanziale e di migliore assistenza sociale, evitando di erogare contributi pubblici a chi non ne ha bisogno, e quello della tutela dei singoli cittadini alla protezione dei propri dati personali.

L’uno non esclude l’altro e si tratta solamente di individuare il modus operandi che riesca a conciliare e rispettare queste diverse esigenze.

Federica De Stefani: Avvocato e Responsabile AIDR Regione Lombardia

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Francia abolisce mamma e papà, parla Crepet: “Perché dico no”

Articolo successivo

La settimana di Paolo Fox, LEGGI l’oroscopo dal 25 febbraio al 3 marzo

0  0,00