COME COMBATTERE IL CYBERBULLISMO

Digitale In Rilievo Società

Una piaga dolente del web è il Cyberbullismo.

Questo “neo” modo di applicare il bullismo agli strumenti telematici e soprattutto ad internet è un fenomeno molto complicato da affrontare e a cui dare una soluzione.

Il legislatore è entrato nel merito della questione solo nel recente 2017 con la legge “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”:

“Qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti on line aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo. (Art.1) e indica misure di carattere preventivo ed educativo nei confronti dei minori (qualunque sia il ruolo nell’episodio) da attuare in ambito scolastico, e non solo”.

Ciò nonostante il fenomeno non è diminuito, anzi.

A causa del cyberbullismo, uno studente su cinque ha saltato la scuola. Così spiega un sondaggio fatto dall’Unicef, su 170mila giovani di 30 paesi che hanno partecipato e secondo cui uno su tre ha vissuto esperienze di cyberbullismo.

 Il 71% di coloro che hanno risposto al sondaggio crede che il cyberbullismo si verifichi soprattutto sui social e circa il 32% crede che i governi dovrebbero essere responsabili di porre fine al cyberbullismo, il 31% ritiene che dovrebbero esserlo i giovani e il 29% ha risposto le società di internet.

Sempre secondo il sondaggio, le ragazze hanno maggiori probabilità di essere vittime di cyberbullismo rispetto ai ragazzi.  Inoltre, gli studenti più grandi sono più esposti al fenomeno rispetto a quelli più piccoli: i 15enni hanno una percentuale maggiore di cyberbullismo rispetto a quelli di 11 anni.

Questi i dati, questa è la realtà da cui sia le istituzioni che la società tutta dovrebbero partire per combattere questo intollerabile fenomeno. 

di Rosangela Cesareo, Responsabile Relazioni Istituzionali Aidr

Condividi!

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.