Ma si può passeggiare? E al Parco si può andare? Tutte le regole meno chiare

Politica

Uscire si può, ma la regola è d’oro è state a casa. Ieri, nelle chat di gruppo di molti italiani, si è scatenato l’inferno delle opinioni: ognuno diceva la sua, linkava articoli a proprio vantaggio, mostrava contraddizioni della stampa e dei mass media su un tema a tutti caro: ma si può prendere una boccata d’aria? La risposta è ni. 

Di fatto non sono vietate le passeggiate, ma “sono consentite purché circoscritte alla propria zona e comunque per una durata di tempo limitata”. E’ d’obbligo quindi la distanza di almeno un metro. Così vale anche per chi voglia portare a spasso il proprio cane o andare a fare la spesa oppure andare in farmacia o procedere a piedi a portare assistenza a un familiare. L’importante è avere sempre con sè il modulo di autocertificazione e giustificare lo spostamento in caso di controllo delle forze dell’ordine.

Per quanto riguarda i parchi, le regole non sono omogenee perché le amministrazioni stanno procedendo ognuna per conto proprio. Il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa con un tweet ha provato a chiarire: “Per chiarezza in tema di coronavirus e comportamenti: lo sport e le attività motorie svolte negli spazi aperti sono ammessi nel rispetto della distanza interpersonale di un metro. In ogni caso bisogna evitare assembramenti”.

E il sito della presidenza del Consiglio ha provato a dare un criterio generale: “Parchi e giardini pubblici possono restare aperti per garantire lo svolgimento di sport ed attività motorie all’aperto, a patto che non in gruppo e che si rispetti la distanza interpersonale di un metro”. Ieri però alcune amministrazioni locali hanno deciso di vietare l’accesso ad alcuni parchi.

Ovviamente, non ci sarebbe il bisogno di scriverlo, sono vietate cene tra amici o tra parenti o incontri tra bambini.

La regola è che bisogna mantenere la distanza di sicurezza e indossare dispositivi di protezione come guanti e mascherine. No agli assembramenti, neanche all’aperto, e i contatti tra bambini non vanno fatti, essendo difficile con loro procedere al rispetto delle misure di sicurezza, il suggerimento è ‘teneteli a casa’.

 

Condividi!

Tagged