Comunicare il Covid19

In Rilievo Società

Siamo in guerra ed è una guerra mondiale, è pandemia. È dolore, è angoscia, è paura, è la vita mutata da un giorno all’altro, senza preavviso. Quotidianità, progetti, impegni, ma soprattutto libertà hanno cambiato significato. La normalità appare un’utopia, la stessa che fino a poche settimane fa quasi ci annoiava, ora ci manca, ci manca follemente.
Le notizie sul covid19 si susseguono senza sosta: contagi, ricoveri, terapie intensive, decessi, ambulanze.
La Lombardia è la regione più colpita, senza pietà, piange i suoi cittadini che lasciano questa terra soli, perché ogni contatto è vietato. I medici e tutti i sanitari sono in trincea, lottano contro un nemico invisibile e senza scrupoli, un nemico tremendo, il più terribile.
Ora che la terra trema sotto i nostri piedi, adesso che si cerca disperatamente di capire quello che sta accadendo, come mai prima d’ora c’è bisogno di una comunicazione chiara, vera e che si rivolga a tutti gli italiani.
Di fronte ad un’enorme catastrofe come questa anche il settore della comunicazione, siamo onesti, si è trovato impreparato.
Troppi sono stati i messaggi distorti lanciati, le mezze verità, le omissioni, le modalità errate sia nel come, dove e quando. Ad un certo punto, anche chi di notizie vive si è sentito perso ed incapace di scorgere la verità.
Questo non è il momento di fare polemica per carità, ma di migliorare però si e soprattutto di dare, ognuno nel suo piccolo, il proprio contributo. E allora chi parla alla gente, al popolo, alla nazione deve essere chiaro, reale, concreto e soprattutto dare delle risposte. La paura dell’allarmismo non può e non deve generare superficialità, com’è purtroppo accaduto.
E poi quanto più ci insegna questa brutta esperienza è che è meglio allarmare e prevenire anziché poi provare a fronteggiare un nemico che è stato in grado di metterci in ginocchio.
Mai più superficialità nel comunicare da parte di chi lo fa per mestiere e da parte di chi ci governa. Il popolo ha bisogno di essere guidato soprattutto nelle catastrofi, il popolo non deve sentirsi mai perduto.

di Rosangela Cesareo, Responsabile Relazioni Istituzionali Aidr

Condividi!

Tagged