Siamo in guerra

In Rilievo Società

Cosa succederà? Una guerra quella che stiamo vivendo senza poterla combattere ad armi pari, un nemico che non possiamo vedere, sconfiggere. Roma è morta, una città all’apparenza calma, impotente. La fuga di tante persone terrorizzate da un nemico invisibile che non fa sconti di razza, di colore della pelle e che causa un numero considerevole di vittime. La perdita dei propri cari. Un momento storico difficile con il grande desiderio di riprendere una vita normale dove la comunicazione attraverso la televisione, la radio, i social ha un’influenza forte in ognuno di noi ogni giorno.

L’uomo ha bisogno di credere anche nel caos più totale fatto di contraddizione dove la Chiesa, la Politica sono la “MADRE” che domina la Società illudendo anche la felicità. Ma è proprio in questi momenti che il senso di fratellanza aumenta, l’amore per la patria la voglia di un riscatto. La speranza come dopo ogni guerra di una rinascita.

Si riparte da zero, una vita che riprende, negozi, banche, teatri, musei, quartieri … E proprio in questi momenti il proprio “IO” perde di valore e tutto quello che si provava prima come rancore, invidia, odio, scompare perché facciamo spazio alla solidarietà e come ha detto un belga che vive in Germania alcuni giorni fa postando un post sull’Italia … “L’ Italia è come quella tipa che ha più talento di tutti, è come quella che le altre se le mangia, perché è nata bella, più bella di tutte e le altre se le asfalta. L’ Italia è come quella più ingegnosa, che ha le mani di una fata, che si inventa mille cose, perché è piena di risorse. Sa discutere di storia, di mare, di montagne, sa di cibo, di buon vino, di dialetti, di pittori, di scultori, di scrittori, di eccellenze nella scienza, non c’è niente che non sa. E quando questa tipa bella e talentuosa inciampa e cade, la platea delle sfigate esulta. È la rabbia delle poverine ingelosite, quelle al buio, perché lei è comunque bella anche quando cade a terra. Ma l’Italia è una tipa con stivale tacco 12, ovviamente made in Italy, che nessuna sa portare meglio di lei… solo il tempo di rialzarsi.”

Caterina Boccardi

Condividi!

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.