#lockdown2020, come la rete ha accolto la fine della quarantena

Politica

Da ieri è terminato il lockdown imposto al Paese dall’emergenza coronavirus e si è in pratica tornati alla normalità, seppur con tutte le necessarie precauzioni e limitazioni. Hanno riaperto bar, ristoranti, parrucchieri, centri estetici, attività commerciali, mercati rionali e la gente seppur coperta da mascherine e guanti, è potuta tornare alle abitudini dimenticate negli ultimi due mesi.

Restano vietati gli assembramenti, quindi gli amanti dell’aperitivo, degli apericena, della movida notturna dovranno rassegnarsi. Fra qualche settimana riapriranno anche i cinema, ma per ciò che riguarda discoteche, pub e altri locali notturni sarà molto lungo il percorso di ritorno alla normalità, ovvero all’ammassamento dei giovani, visto che il distanziamento personale resterà obbligatorio anche per i mesi a seguire.  E non è da escludere che, qualora il picco dei contagi dovesse risalire, si possa tornare a chiudere nuovamente le attività e a limitare ancora gli spostamenti. Tutto sta alla responsabilità e al buonsenso delle persone.

Ma intanto, come detto, ieri è ripresa la vita e la gente ha salutato il lungo lockdown forzato di queste settimane.

Ma vediamo sui social come gli utenti hanno commentato la fine della quarantena che sarà ricordata per tutta la vita, allo stesso modo di come i nostri nonni ricordavano l’ultima guerra e la famigerata epidemia di spagnola, raccontandola a noi nipoti.

Ecco alcuni tweet fra i più curiosi e divertenti.

blockquote class=”twitter-tweet”>

Avete presente l’ultimo anno delle superiori quando non era più necessaria la firma dei genitori nel libretto delle giustificazioni???
Ecco, la sensazione senza più autocertificazioni è la stessa #lockdown2020

— Marco Giove (@Marco_Giove87) May 19, 2020

Condividi!

Tagged