San Gennaro non fa il miracolo. Chi la vede nera e chi ci scherza sopra

Politica

Non bastavano le previsioni su una possibile recrudescenza del Covid a partire da gennaio con tanto di terze e quarte ondate in arrivo? Non bastava il “terrore mediatico” cui sono sottoposti gli italiani ogni giorno alle prese con i conteggi sul numero di vittime da coronavirus, i picchi dell’epidemia e i numeri dei contagi?

Evidentemente no, se ci si è messo pure San Gennaro a scoraggiare ancora di più i napoletani e inevitabilmente tutta Italia, con il mancato miracolo della liquefazione del sangue.

Per i napoletani è sempre un segno funesto e c’è stato subito chi ha ricordato come in passato, dopo che il miracolo non si è verificato, sono successe diverse sciagure alla città, dalle epidemie di colera alle calamità naturali.

Superstizione? Può darsi, anche se c’è chi invita a non farsi prendere dal panico, perché in fondo quello di dicembre è il miracolo che avviene solitamente con minore frequenza rispetto agli altri periodi dell’anno in cui il fenomeno si ripete.

Come da tradizione il 16 dicembre di ogni anno, la liquefazione del sangue è attesa in ricordo di un evento miracoloso che salvò Napoli dall’eruzione del Vesuvio. Era il 1631, il Vesuvio minacciava di distruggere la città e i napoletani portarono in processione la reliquia del sangue che, secondo la tradizione, fermò la lava. Così ogni anno i napoletani ricordano l’evento prodigioso in cui solitamente si ripete il fenomeno della liquefazione, interpretata come segnale di buon auspicio per l’anno nuovo.

Tuttavia c’è chi fa notare come in realtà il miracolo del 16 dicembre sia quello meno importante e anche meno frequente. Di conseguenza non sarebbero da collegare ad esso profezie nefaste, considerate invece scontate qualora il miracolo non avvenisse nelle date più importanti, ovvero a maggio e a settembre.

Eppure in questo periodo decisamente difficile per Napoli, la Campania e l’Italia a causa delle conseguenze della pandemia da Covid, il fatto che il miracolo non sia avvenuto, certo non contribuisce a tirare su il morale.

Sui social alla paura prevale però l’ironia, e c’è chi ha collegato il mancato miracolo ad una scarsa dimistichezza di San Gennaro con le norme anti-Covid e le varie app in circolazione.

E allora per esorcizzare la paura meglio riderci su. Ecco i tweet più divertenti e spiritosi e ovviamente non irriverenti e offensivi per la figura del Santo patrono di Napoli.

Condividi!

Tagged