#festadelladonna: il “direttore” Venezi e il suo schiaffo al conformismo

1 minuto di lettura

Auguri donna vera . A proposito del direttore d’orchestra Beatrice Venezi, la bellissima e bravissima maestro.

Lei vuol essere chiamata direttore. Glielo lasciamo fare o dobbiamo obbedire a qualche obbligo che non esiste? Non c’e il dovere costituzionale, né legale, di chiamarla direttrice. A lei piace direttore, salire nel posto che è sempre stato di un uomo e farsi chiamare con il titolo che lui usava, secondo molte è assai piú paritario. E comunque sono opinioni. Finchè saremo libere di esprimere opinioni saremo libere, forse la gente oggi non si rende conto di questo.
Ecco la strada.

Una personalità troppo sua e troppo piena del suo sé, agli occhi dei sacri sacerdoti del conformismo anche oggi fa paura. Ha solo cambiato forme il conformismo, ma è sempre la stessa dittatura. Tu, donna, devi stare o di qua o di là. Devi essere come ti vogliono gli altri o le altre (perchè il problema è a 360′).
Beh, auguri a tutte le donne che decidono liberamente dove stare, che idee avere, chi essere, come esprimersi al meglio. Che la forza sia sempre con voi.

Vi lasciamo tutti gli apotostrofi, le a e le o, anche i fiori ma dateci il diritto a lavorare, a uno stipendio equo, il diritto alla malattia, alla pensione etc. La sostanza, altrimenti la forma non basta. È una presa in giro.

Marta Moriconi

La velocità e la capacità di individuare subito la notizia sono le mie qualità. Sono laureata in Giurisprudenza con il massimo di voti ma lascio la pratica forense e i Tribunali ben presto per gettarmi nella mia passione. Inizio la carriera nel monitoraggio radiotelevisivo, passo per gli uffici stampa, arrivo ai giornali online.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Donne, Casellati “Emancipazione a rischio, si passi da quote a merito”

Articolo successivo

Morace “Società omofoba e razzista, indietro rispetto agli altri”

0  0,00