Banche, Meloni “Con le nuove norme Ue si rischia una bomba sociale”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Vogliamo denunciare il rischio di una vera bomba sociale che rischia di abbattersi su milioni di cittadini e imprese italiane. Una questione di cui non si sta parlando, mi pare non ci sia la sensibilità sufficiente rispetto alla questione che poniamo. Dall'1 gennaio 2021 è entrata in vigore una nuova normativa europea in tema di regolamentazione bancaria sul default che rischia di impattare in maniera pesante sulla tenuta del nostro sistema economico e sociale". Lo ha detto il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa sulla nuova regolamentazione bancaria europea dove sono intervenuti il capodelegazione al Parlamento Europeo Carlo Fidanza, i capigruppo FdI alla Camera e al Senato Francesco Lollobrigida e Luca Ciriani, il dirigente nazionale di FdI Roberta Angelilli e il presidente dell'associazione vittime del salvabanche Letizia Giorgianni. "Sono previste norme più stringenti per il titolare di un conto corrente che dovesse andare in rosso, le banche sono autorizzate a bloccare un conto con tre requisiti: esposizione di più di 90 giorni, superiore all'1% del totale e che superi la cifra di 100 euro per i privati e 500 euro per le Pmi – ha spiegato Meloni -. In un momento come quello in cui ci troviamo, qualcuno si rende conto dell'impatto che potrebbe avere autorizzare le banche a dichiararti cattivo pagatore? E qualcuno si rende conto dell'impatto che questo potrebbe avere sul sistema bancario? È una norma che impatta su banche, credito, imprese e cittadini e rischia di diventare una ecatombe. In Italia non ce ne stiamo rendendo conto – ha aggiunto – perché c'è una moratoria sui debiti ma che finirà, quando accadrà ci troveremo con milioni di persone che vengono segnalate alla centrale rischi". (ITALPRESS). tan/sat/red 02-Apr-21 17:55

Italpress

Agenzia di Stampa

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Valle d’Aosta, positivo al Covid il presidente Lavevaz

Articolo successivo

Il Covid e i Barbapapà all’Assemblea Regionale Siciliana

0  0,00