Dottrina Sociale della Chiesa e nuove prospettive: convegno a Campobasso

2 minuti di lettura

“Questa nostra stagione appare per il seminare quella più favorevole”

Su queste parole, pronunciate da Alcide de Gasperi ad Aquisgrana il 24 settembre del 1952, si terrà a Campobasso, venerdì 30 aprile, presso la parrocchia di San Giuseppe artigiano in via Gramsci, un interessante convegno organizzato dalla stessa parrocchia e dai Gruppi della Dottrina sociale della Chiesa (DSC). L’appuntamento è per le ore 16.

Saranno affrontati temi di grande attualità, soprattutto inerenti il rapporto fra finanza e stato sociale, per individuare un approccio che possa in qualche modo favorire sinergie per lo sviluppo dei territori, delle comunità e per offrire prospettive alle nuove generazioni. Un approccio che si può trovare proprio nella Dottrina Sociale della Chiesa che ancora oggi è lo strumento senza dubbio più efficace per il raggiungimento di un perfetto equilibrio fra legittimi interessi economici, solidarietà sociale e bene comune. 

L’evento che potrà essere seguito anche tramite il link https://meet.google.com/iad-qaxv-wqb vedrà un nutrito parterre di relatori.

A moderare il dibattito sarà il Dott. Massimo Saotta della Fondazione Enèrgeia

Interverranno: Don Vittorio Perrella – parroco emerito e assistente ecclesiastico per i problemi sociali e del lavoro;

Prof. Flavio Felice – Professore ordinario dottrine politiche UNIMOL che tratterà del tema:  “L’attualità della dottrina sociale della Chiesa”;

Dott. Domenico Prezioso – Università di Salerno e Direttore BCC Gambatesa che illustrerà: “Il contributo della finanza locale allo sviluppo del territorio”.

On. Giuseppina Occhionero – Camera dei deputati già componente commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici. Discuterà di:  “NextGenerationEU e sviluppo del Mezzogiorno”

Le conclusioni saranno affidate a monsignor Giancarlo Maria Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Bojano.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Rutigliano (Snam) “Obiettivo stop emissioni metano e CO2 per il 2040”

Articolo successivo

Cresce voglia di mobilità elettrica in Italia. Toro (Nissan): “Incentivarla con interventi ad hoc”

0  0,00