Arriva il green pass, ma quanto ci costerà un tampone?

3 minuti di lettura

Dal 15 maggio arriva in Italia il green pass che permetterà gli spostamenti fra regioni anche arancioni o rosse. Per averlo sarà necessario dimostrare di aver fatto il vaccino, di essere guariti dal Covid o in mancanza dei due requisiti, esibire un tampone, molecolare o rapido, effettuato nelle 48 ore precedenti. Non saranno accettati i test sierologici venduti in farmacia o altrove.

Detta così sembrerebbe una cosa assolutamente positiva, ma proviamo a guardarla dal punto di vista dei giovani: la stragrande maggioranza di loro non ha fatto il vaccino e molti non hanno nemmeno la possibilità di dimostrare di aver già contratto il Covid, dal momento che potrebbero averlo avuto senza essersene accorti o avendolo scoperto tempo dopo.

Non resta quindi che un’unica strada, quella cioè di sottoporsi al tampone che però non è a titolo gratuito e può costare anche fino a 30 euro a seconda delle regioni. Un costo aggiuntivo quindi che andrà a sommarsi con la spesa del viaggio. Si dovrà sostenere un ulteriore costo per spostarsi da una regione all’altra del territorio nazionale, e viene da chiedersi se tutto questo sia o meno costituzionale. Ma questo ormai è diventato un aspetto del tutto secondario visto che se si andassero a studiare gli articoli della Costituzione uno ad uno, ci si accorgerebbe di come nell’ultimo anno fra lockdown, limitazioni degli spostamenti, divieto di aprire negozi e attività ecc. tanti provvedimenti probabilmente sono stati imposti senza una cornice costituzionale.

Inoltre, se una persona dal Lazio si sposta in Toscana e si ferma lì qualche giorno quando rientrerà nel Lazio dovrà eseguire un secondo tampone oltre a quello già fatto alla partenza? Silenzio assoluto, come sempre.

Un caos dunque, anche se come riporta Open qualche soluzione c’è. A Milano e Roma, almeno nelle stazioni centrali dove si sono recate le telecamere di Open, sono stati previsti due punti per i tamponi gratuiti, gestiti da Croce Rossa (il cui obiettivo è estendere gli screening nelle stazioni ferroviarie di tutte le principali città italiane, da Bologna a Torino, da Bari a Napoli, ndr). Costo del tampone? Zero euro ma – almeno oggi – la fila era lunga, l’attesa tanta. A Catania, invece, è sempre rimasto operativo l’ex Mercato ortofrutticolo in cui vengono effettuati tutti i giorni i tamponi rapidi senza prenotazione e a costo zero. Dalla mattina al tardo pomeriggio, con la formula drive-in”.

Una buona notizia nel groviglio di provvedimenti che rischiano di complicare la già difficile vita dei cittadini.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Melanoma, al via la campagna “oltre la pelle”

Articolo successivo

La digitalizzazione attraversa in modo trasversale il Recovery Plan

0  0,00