Manifestazione Ddl Zan Pro Vita e Famiglia: “Camion vela a Milano in nome della libertà”

2 minuti di lettura

“Sabato scorso in piazza Scala a Milano si è svolta una manifestazione per chiedere l’approvazione del DDL Zan, il testo di legge su l’omotransfobia. Alla manifestazione ha dato l’adesione anche il sindaco Beppe Sala.
E noi siamo stati presenti con una decina di camion vela per dire basta a queste bugie, ad una legge liberticida e a tutti i paladini LGBTQIA+ con tanto di Fedez come punto di riferimento.

Ci mandate in prigione per un’opinione!’ è stato scritto su una vela. E su un’altra: ‘Il figlio è mio e lo educo io!’. A tutte le donne poi scriviamo questo messaggio: ‘L’identità di genere vi cancella’. Basta storytelling, noi raccontiamo come stanno le cose“ ha dichiarato Toni Brandi, presidente Pro Vita e Famiglia onlus.

Dopo aver subito una vera e propria censura dai mass media, dopo l’attacco personale di Fedez, dopo aver riscontrato l’impossibilità di parlare dei contenuti della legge e aver subito la solita propaganda ed insulti a basso prezzo, dopo che gli italiani ci hanno scritto a migliaia e migliaia per chiederci di andare avanti, riteniamo che una voce libera e controcorrente debba poter alzarsi anche dove non gli è data parola. Contro il bavaglio, contro l’invenzione dell’omotransfobia come allarme sociale (smentita dai dati del Ministero dell’Interno), per evitare i corsi di educazione all’omosessualità, alla transessualità, al lesbismo e alla bisessualità nelle scuole dei nostri figli, siamo scesi in piazza anche noi a Milano! E a modo nostro” ha concluso il vice presidente Jacopo Coghe.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tennis: Djokovic in vetta al ranking Atp, Berrettini sale al nono posto

Articolo successivo

Tso a Fano, Meluzzi: “Offro consulenza medico legale alla famiglia del ragazzo”

0  0,00