Trattato sulla donna (secondo me)

1 minuto di lettura

Chi è, e cosa è la donna oggi? Si può dire tutto e il contrario di tutto su di lei, e quello che troppo spesso emerge è la classica codificazione per stereotipi. Negli ultimi giorni si sono registrate nuove polemiche intorno al ruolo della donna nella società. alle sue qualità, alle sue aspirazioni. Ma la cosa peggiore che si possa fare è sminuire o esaltare la donna a scopi puramente ideologici. Due atteggiamenti opposti che rischiano di danneggiarne allo stesso modo la dignità. E allora proviamo a dare una risposta al quesito di partenza. Chi è davvero la donna?

La donna non è ingegnere o ostetrica nè isterica. È diversamente talentuosa.
La donna non è madre, moglie o single. È diversamente produttrice di vita.
La donna non è bella, brutta, magra o grassa. È diversamente di spessore.
La donna non è acida o dolce. È diversamente di carattere.
La donna non è religiosa, atea, diavolessa o santa. È diversamente farfalla.
La donna non è gatta morta o zoccola viva. È diversamente se stessa.
La donna non è accompagnata o sola è diversamente libera.
La donna non è leale o sleale, è diversamente amante.
La donna non è quote rosa o medievale. È diversamente impegnata.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Raspadori si aggrega all’Under 21 a Tirrenia

Articolo successivo

Funivia e fanghi tossici. Cosa li lega? L’angoscia e il mito del profitto senza Stato

0  0,00