Andare oltre il clima tossico, spegnere la Tv per stare meglio

3 minuti di lettura

Ci avevano annunciato un mercoledì di fuoco, con le stazioni ferroviarie bloccate dai no vax, disordini, scontri, e chi più ne ha ne metta. Abbiamo assistito ad uno spiegamento di polizia senza precedenti. Invece alla fine non è accaduto nulla di drammatico. Soltanto poche proteste di limitati gruppi per dire No all’obbligo del green pass per viaggiare.

In compenso abbiamo appreso che la Lega ieri ha votato contro l’obbligo del green pass in Commissione aprendo un nuovo fronte di polemica nella maggioranza. Anche se alla fine si tratta di Claudio Borghi che sin dall’inizio ha contestato il provvedimento. Lui ha specificato che il voto contrario è stato concordato con il partito, ma difficile credere che il Carroccio andrà fino in fondo bocciando il decreto in aula dopo che è stato approvato in Cdm dai suoi ministri. Arriverà, state certi, la telefonata chiarificatrice fra Salvini e Draghi che rimetterà le cose a posto. Forse la Lega alzerà un po’ il prezzo per portare a casa i tamponi gratis in piena campagna elettorale, ma non ci sarà nessuna rottura.

I media sono tutti allineati ad un’unica narrazione, lo stesso identico copione per inculcarci nella mente che soltanto il vaccino ci può salvare, dando la parola ai soliti esperti e montando l’odio contro chi non vuole vaccinarsi, accusato di contribuire alla diffusione del Covid inseguendo teorie complottiste, mentre si ignorano le giuste obiezioni che arrivano da più parti, premi Nobel compresi.

Ciò premesso, forse è arrivato il momento di andare oltre, parlare d’altro quando non è importante e vitale il tema. 

Ci fanno venire il sangue amaro ma su un film che stanno trasmettendo loro e che vogliono vedere dove potrebbe arrivare. Il segreto? Spegnere le TV. È l’unico mezzo per fermare il terrorismo mediatico e per non far circolare l’odio che stanno facendo scorrere a fiumi.

Lo stesso vale per i link online. Se dicono o riportano cose altamente tossiche o esasperate mai aprirli. Le notizie sono notizie, le sparate non sono notizie. Non solo fanno male al nostro benessere ma li si sovvenziona pure così.

Fate come me, sport, alcol e click (spenti).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Paralimpiadi: handbike. Oro Italia nel Team Relay, 50^ medaglia

Articolo successivo

Pil e occupazione, Sud sempre più distante dal resto d’Italia

0  0,00