Confapi, Casasco “Governo decida presto per obbligo vaccino”

3 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Il Presidente di Confapi Maurizio Casasco ha incontrato i Segretari Generali di Cgil, Cisl e Uil Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri, proseguendo un colloquio mai interrotto in questi lunghi mesi di pandemia e sostenuto dalla convinzione che salute, sicurezza e attivita' economiche debbano essere l'obiettivo da perseguire per garantire crescita e lavoro. Confapi auspica che, alla luce delle recenti affermazioni del Presidente del Consiglio Mario Draghi, il Governo assuma presto decisioni nella direzione dell'obbligatorieta' della vaccinazione cosi' come suggerito anche dal Comitato Nazionale di Biosicurezza, Biotecnologie e Scienze della vita. Infatti mentre negli USA e' intervenuta la FDA per sancirne definitivamente la validita', dopo una prima validazione per la sola emergenza, la legislazione europea non prevede, dopo le gia' avvenute approvazioni, nessun ulteriore pronunciamento delle agenzie preposte. E' quindi nella disponibilita' decisionale dei singoli Paesi. "Molti lavoratori delle piccole e medie industrie private – ha puntualizzato Casasco – sono vaccinati ma, con il supporto dei medici competenti e dei rappresentanti dei lavoratori, Confapi si fara' promotrice e carico di ore di formazione specifica all'interno delle imprese, per favorire conoscenze scientifiche e rispondere alle domande e perplessita' di chi non ha ancora avviato il percorso vaccinale. La vaccinazione non attiene solo alla responsabilita' individuale ma anche a quella sociale e collettiva. In questa fase risponde all'equazione: piu' vaccini meno contagi, meno contagi meno varianti. Sono infatti queste ultime che potrebbero essere piu' pericolose e vanificare quanto fatto finora". Nell'attesa delle decisioni del Governo, gli enti bilaterali costituiti a suo tempo esclusivamente da Confapi Cgil, Cisl e Uil e che hanno gia' svolto un ruolo importantissimo nel supporto di aziende e lavoratori anche nel corso della pandemia, potranno sostenere gli screening attraverso tamponi, che tuttavia non offrono le stesse garanzie di sicurezza dei vaccini. "Come Confapi – ha aggiunto il Presidente – ci auguriamo che, su questi temi, cosi' come su quelli altrettanto importanti quali la riforma degli ammortizzatori e delle politiche attive, si possa trovare la massima convergenza tra tutte le parti sociali nonche' tra tutte le altre organizzazioni imprenditoriali alle quali si era rivolta al riguardo nelle scorse settimane". (ITALPRESS). fil/com 06-Set-21 22:15

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Green pass, Salvini “No a nuove restrizioni”

Articolo successivo

ILBE annuncia l’inizio delle riprese di “MUTI” con Morgan Freeman

0  0,00