Roma. Come mai nessuno ha parlato dei 100mila di piazza San Giovanni? Ecco perché

5 minuti di lettura

Io non ho mai negato l’esistenza del virus, né ho mai detto o scritto che i vaccini non vanno fatti. Anzi, li ritengo centrali, purché nel quadro di una strategia articolata di rimedi complementari (le cure domiciliari), e farmaci (ad esempio, i monoclonali) che possano prevenire il Covid o addirittura contribuire a bloccarlo.

Ma questa non è la mia materia, né mi avventuro in supposizioni, semplificazioni fantastiche, apocalittiche, ideologiche. Del resto, certi no-vax sono uguali ai “mistici del vaccino”: sono dei “miracolisti”, ritengono che la loro sia l’unica verità (una verità rovesciata), il loro sia il bene assoluto; uno schema speculare agli altri che dicono di osteggiare. E pure loro, credono a un qualcosa che spieghi ciò che non si può spiegare (è l’origine del concetto di complotto).

Il risultato è un duello religioso tra due dogmi (lo vediamo quotidianamente in tv, sui giornali, sui social, nei luoghi della politica). E questo non va, non ha nulla a che vedere con il confronto, la dialettica, la conoscenza, l’approfondimento, l’obiettività, lo Stato di diritto.
Ciò che ho sempre combattuto, invece e con forza, è la gestione politica da “Stato etico sanitario” del Covid, la società del futuro che si sta costruendo sull’emergenza (permanente) e sul Recovery. E quello che mi fa schifo è come i media stanno trattando e interpretando questo momento storico: da amplificatori della nuova religione, imponendo una neo-lingua e riti collettivi obbligati (con la domanda preliminare a ogni ospite di panel: “Ti sei vaccinato?”). Impostazione nazista o da Grande Fratello. Per cui i no-vax sono o dei matti, o dei terroristi o dei paurosi da convincere, con le buone o le cattive. Se poi, parlano, riescono a replicare con efficacia, tirano fuori la vera faccia del regime (Sileri che non risponde alla parlamentare europea Donato, Galli che delegittima un esperto di comunicazione critico).

Se ci si occupa di loro, lo si fa unicamente per ghettizzarli, denigrarli, macchiettizzarli, demonizzarli. Inutile ripetere le frasi che giornalisti, commentatori, intellettuali, politici, hanno usato come codice di questa moderna caccia alle streghe (vanno presi a cannonate, puzzano, non devono essere curati, si devono pagare le spese, non devono lavorare, andare in giro, viaggiare, andare al ristorante). Esattamente come gli ebrei al tempo di Hitler.

Un ultimo esempio: sabato nella romana piazza San Giovanni, ben 100mila persone sono state chiamate a raccolta da varie associazioni, soggetti politici, come Ancora Italia, Movimento 3V, No paura day, Fronte del dissenso. Una grande manifestazione contro il Green Pass per la libertà democratica e la libertà di cura. Dato il successo, nessun giornale o tv, naturalmente, ne ha parlato. Nessun servizio o inchiesta. Solo qualche misero trafiletto o qualche pezzo sulla rete. Se ci fossero state poche persone, avremmo avuto titoli in prima pagina: flop dei no-vax, oppure schiere di telecamere a enfatizzare il fallimento, a intervistare i soliti esaltati che vanno a ogni manifestazione “contro”, per evidenziare il rapporto diretto e genetico tra squilibrati e contrari al passaporto verde. Avremmo letto di infiltrazioni fasciste.

Ben altro spazio e schieramenti polizieschi, sono stati riservati, quando il maistream ha ipotizzato il timore di blocchi dei treni, di stragi brigatiste-no vax, accontentandosi di arrestare poi, persone con katane, spade giapponesi a casa o casalinghe colpevoli di aver minacciato, solo minacciato, lanci di uova a Speranza (le famose Brigate Frittata).
Questi 100mila, dunque, non meritano attenzione, sono cittadini di serie B, appestati, esseri inferiori. In Italia solo dissentire vuol dire lesa maestà verso il potere? Ah dimenticavo. L’unica notizia di un certo rilievo, è di quel vicequestore, Nunzia Alessandra Schiliro, che ha partecipato alla manifestazione, per difendere la Costituzione, e che subirà certamente la reprimenda dello Stato “nel nome della Costituzione”. E di 10 fermati per corteo. Che violenza eversiva.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Manifestazioni no Green Pass nel weekend. Il giorno dopo? E’ politici Vs piazza

Articolo successivo

Tennis: Top Ten Atp invariata, Djokovic al comando, Berrettini 7^

0  0,00