Clima, Draghi “Dobbiamo agire molto più velocemente”

2 minuti di lettura

MILANO (ITALPRESS) – "Avete ragione a chiedere una responsabilizzazione, a chiedere un cambiamento. Siamo consapevoli che dobbiamo fare di più, vogliamo raggiungere un impegno come paesi del G20 per mantenere alla mostra portata la promessa di contenere il riscaldamento globale entro una crescita di 1,5 gradi. Dobbiamo anche mantenere la promessa di stanziare miliardi di dollari per i paesi più poveri che subiscono di più le conseguenze del cambiamento climatico, è un'esigenza morale. Ora dobbiamo agire e fare qualcosa. Per affrontare tutte queste crisi, dobbiamo agire più velocemente, molto più velocemente, e con più efficacia". Così il premier Mario Draghi, nel suo intrervento alla Youth4Climate in corso a Milano. "Questa generazione, la vostra generazione, e' la piu' minacciata dai cambiamenti climatici. Avete ragione a chiedere una responsabilizzazione, a chiedere un cambiamento. La transizione ecologica non è una scelta, è una necessità. Abbiamo solo due possibilità. O affrontiamo adesso i costi di questa transizione, o agiamo dopo, il che vorrebbe dire pagare il prezzo molto più alto di un disastro climatico", ha aggiunto. Il premier ha ricordato come "l'Italia ha stanziato il 40% delle risorse nel nostro Pnrr per la transizione ecologica. Il nostro obiettivo e' quello di aumentare la quota dei rinnovabili nel nostro mix energetico, rendere piu' sostenibile la mobilita', migliorare l'efficienza energetica dei nostri edifici e proteggere la biodiversita'". Quindi "sono convinto che abbiamo molto da imparare dai vostri suggerimenti e la pressione che mettete sulle nostre spalle deve essere accolta positivamente; potete starne certi: vi ascoltiamo", ha concluso Draghi. (ITALPRESS). ads/red 30-Set-21 11:23

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

F.1: Gp Qatar entra in calendario, appuntamento il 21 novembre

Articolo successivo

Green economy. Greta da simbolo dei potenti a spina nel fianco

0  0,00