Draghi “Disparità distribuzione vaccini inaccettabile”

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "La pandemia non è finita e ci sono disparità sconvolgenti nella distribuzione globale dei vaccini. Nei Paesi ad alto reddito, oltre il 70% della popolazione ha ricevuto almeno una dose. Nei Paesi più poveri, questa percentuale crolla a circa il 3%. Queste differenze sono moralmente inaccettabili, e minano la ripresa globale". Lo ha detto il premier, Mario Draghi, nel suo intervento di apertura al vertice de G20. "Siamo molto vicini a raggiungere l'obiettivo posto dall'Oms di vaccinare il 40% della popolazione globale entro la fine del 2021. Ora – ha spiegato – dobbiamo fare tutto ciò che possiamo per raggiungere il 70% entro la metà del 2022". Per Draghi "a circa due anni dall'inizio della pandemia, possiamo finalmente guardare al futuro con più ottimismo. Campagne vaccinali di successo e azioni coordinate da parte dei governi e delle banche centrali hanno permesso la ripresa dell'economia globale". In questo senso "dobbiamo continuare a investire in ricerca, eliminare le barriere commerciali che riguardano i vaccini anti Covid-19, e migliorare la prevedibilità nella loro consegna. E dobbiamo rafforzare le catene di approvvigionamento globali, aumentando al contempo la capacità produttiva a livello locale e regionale", ha concluso. (ITALPRESS). tan/ads/red 30-Ott-21 12:39

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Berrettini rinuncia a Parigi “Non al top, penso a Torino”

Articolo successivo

Mondiali Ritmica, Raffaeli 6^ in all-around e Averina record

0  0,00