Il treno veloce arriva in Sicilia, Palermo e Catania più “vicine”

6 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – In Sicilia, tra Palermo e Catania, si sta per cambiare viaggio. Nei cantieri aperti si sta lavorando per collegare le due principali città dell'isola attraverso l'alta capacità ferroviaria e grazie a treni che raggiungeranno i 200 km/h. Ancora una volta sono i numeri a spiegare la portata del cambiamento. Nella regione sono 173 le località raggiunte dai 1.369 chilometri di ferrovia in funzione. Tuttavia, solo 791 km (il 58% del totale) sono elettrificati, e di questi 223 sono a binario doppio. In sostanza, la maggior parte dei treni sono costretti a fermarsi per far passare il convoglio che arriva nel senso di marcia opposto, ritardando così di ore il tempo necessario per spostamenti anche molto brevi. Lo stesso accade oggi tra Palermo e Catania, dove i treni viaggiano a una velocità massima che non supera i 90 km/h e sono obbligati a fermarsi di quando in quando proprio per via del binario unico. Da qui l'investimento di Rete Ferroviaria Italiana che ha incaricato il Gruppo Webuild di realizzare la prima tratta della nuova linea ad alta capacità, ovvero i 38 chilometri che collegheranno Bicocca (nei pressi dell'aeroporto di Catania) a Catenanuova (in provincia di Enna). I cantieri marciano a pieno ritmo, senza mai interrompere l'attività della vecchia linea, grazie anche all'impegno di circa 400 persone che oggi lavorano alla costruzione dell'opera. Dario Campisi è uno di loro. Il suo ruolo è quello di technical coordinator o meglio – come lui stesso spiega – "la persona chiamata a mettere d'accordo chi progetta con chi realizza". Campisi viene da Siracusa, a circa 90 chilometri dal cantiere dove oggi lui lavora, ma ha trascorso gli ultimi dieci anni costruendo grandi opere per Webuild in Medio Oriente, dalla metropolitana di Doha al centro commerciale Maydan Mall a Dubai. "Il valore aggiunto che abbiamo noi siciliani – racconta – è quello di prendere il meglio dagli altri popoli e di portarlo in Sicilia. Ed è proprio quello che ho cercato di fare nella mia carriera lavorativa". Anche per questo il suo contributo ai cantieri della Bicocca-Catenanuova è prezioso. Campisi però non è solo. Oltre alle persone impegnate nei cantieri, ci sono anche più di 300 imprese fornitrici (tra fornitori e subfornitori), circa il 55% delle quali provenienti dalla stessa Sicilia e alle quali sono già stati assegnati circa 92,5 milioni di euro di lavori. Si tratta in molti casi di imprese di medie e piccole dimensioni, capaci però di dare un prezioso contributo innovativo. È il caso del "Ponte G.U.I.D.O.", un brevetto della società Natisone Lavori, che prevede la realizzazione di un complesso sistema di sostegno ideato per permettere un'accelerazione fino a 80 km/h della linea ferroviaria in determinati punti del percorso. "Ponte G.U.I.D.O. – spiega l'amministratore della Natisone Lavori, Giuseppe Guidi – è un'omologazione ferroviaria che nasce dalla nostra costante attenzione alle trasformazioni della realtà produttiva in cui siamo calati e perciò vogliamo essere sempre al passo con i tempi, con tecnologie e soluzioni all'avanguardia nel rispetto delle normative vigenti, dell'ambiente e della sicurezza sul luogo di lavoro". L'innovativo sistema di sostegno dei binari è solo una delle tecnologie applicate alla costruzione della nuova linea, che viene realizzata con una profonda attenzione al rispetto dell'ambiente, proprio perché si sviluppa lungo la campagna catanese. Su questo lavora il Centro Studi di Economia Applicata all'Ingegneria, di cui è socia l'Università di Catania, impegnato nell'applicazione di tecniche di telerilevamento che utilizzano immagini satellitari ad alta risoluzione per mappare l'area interessata dagli scavi e assicurare che le culture agricole non vengano danneggiate. "Il lavoro – commenta Michele Fabio Ruffo, project manager della tratta Bicocca-Catenanuova – si svolge quasi interamente in superficie, con la costruzione di viadotti lunghi anche 500 metri che superano i corsi d'acqua, il Simeto e il Buttaceto. Si tratta di lavori complessi e di grande portata, con movimenti terra per 1,5 milioni di metri cubi e tante piccole opere di attraversamento. Tutto questo mentre la linea tradizionale continua a funzionare". L'arrivo del doppio binario in Sicilia, ma soprattutto dell'alta capacità ferroviaria, è un primo collegamento dell'isola con il resto dell'Europa lungo quella linea TEN-T che unirà Berlino a Palermo. Un primo passo in attesa – chissà – che i treni veloci possano correre lungo il Ponte sullo Stretto. (ITALPRESS). fsc/com 09-Dic-21 11:34

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Valentino Rossi e Cairoli con i vertici FMI al Quirinale da Mattarella

Articolo successivo

Tennis: Roland Garros. Amelie Mauresmo nuova direttrice

0  0,00