Calcio: Torino. Ansaldi “Qui come a casa, aiuto giovani a crescere”

3 minuti di lettura

"Voglio giocare fino a 40 anni", dice l'esterno argentino ai microfoni della tv granata TORINO (ITALPRESS) – "Ho vissuto tanti bei momenti in carriera, perché ho giocato in grandi squadre con grandi giocatori dove ho potuto imparare tanto. Stare in Nazionale, ad esempio, mi ha fatto sentire identificato con il mio paese, con la gente. Ma in generale credo che da ogni cosa che uno vive si può trarre qualcosa di buono e bisogna godersi tutto perché non sai se accadrà nuovamente". Così Cristian Ansaldi, laterale del Torino, ai microfoni del sito ufficiale granata, parlando della sua carriera. Dagli inizi in Argentina, fino all'approdo al Torino e all'obiettivo di continuare a giocare per altri cinque anni. "Non bisogna mai rinunciare a trovare nuovi stimoli. Anche quando si hanno 60, 70 anni – ha detto Ansaldi -. Sennò la vita perde allegria e felicità. Io l'ho detto sempre, pure quando avevo 23-24 anni: voglio giocare fino a 40 anni. Mia moglie a volte mi dice: guarda che ne hai 35 e quando torni dalle partite sei morto… Io però insisto, ho ancora cinque anni di carriera davanti. Qui a Torino mi sento a casa". Ansaldi, che in carriera ha militato anche nel Genoa e Nell'Inter, si è poi soffermato sul suo rapporto con i giovani, visto che è il calciatore più esperto a disposizione di mister Juric: "E' normale che guardino a me come punto di riferimento e ogni tanto mi chiedano consigli. Io cerco sempre di mettermi a disposizione. A volte mi capita di dire a qualcuno che anche io ho vissuto esattamente quella situazione di cui mi sta parlando e quindi sono in grado di dirgli come mi sono comportato". La famiglia al centro dei suoi progetti, ma anche una grande fede che lo aiuta a migliorare, crescere e prendere le giuste scelte: "A volte vedi che dopo le sconfitte i più giovani sono con la testa bassa. Allora mi avvicino e gli ricordo che il calcio è sempre un gioco e se ci sono lavoro e disciplina i risultati arrivano. Il calcio offre sempre una seconda possibilità la settimana dopo, quando le cose vanno male. Si vince, si perde e si pareggia, è nell'ordine delle cose, ma bisogna imparare ad avere una mentalità vincente. Quando uno è abituato a perdere continua a perdere sempre". (ITALPRESS). mra/ari/red 26-Dic-21 19:18

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bonucci avverte CR7 “Tanto lo sa che le prende…”

Articolo successivo

Basket: Pesaro a segno a Brindisi, Covid rovina resto del programma

0  0,00