Nba: Chicago all’ultimo respiro, ok Miami, LeBron trascina i Lakers

3 minuti di lettura

Phoenix battuta da Boston, successi per Utah e Memphis NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Operazione aggancio compiuta. Chicago chiude il 2021 come meglio non poteva: successo in extremis su Indiana e testa della Eastern Conference ora in condominio con Brooklyn, battuta il giorno prima da Philadelphia (34 punti per Embiid) nonostante il rientro di Durant. A firmare la vittoria dei Bulls (108-106) è DeMar DeRozan, con una tripla siglata tirando su un piede solo a fil di sirena. Per l'ex Toronto 28 punti, altri 24 arrivano da Coby White e 17 da Zach LaVine: sesta vittoria di fila. Milwaukee e Miami restano sulla scia di Chicago e Brooklyn. Bucks in serie utile da cinque partite (136-118 su Orlando, 33 punti di Antetokounmpo, 25 di Holiday, 22 di Middleton) così come gli Heat, trascinati dal miglior Jimmy Butler di stagione (37 punti) nel 120-110 su Houston. Alla terza sconfitta consecutiva invece Cleveland, beffata da un paio di liberi di Trae Young (35 punti) a 7"6 dalla fine: 121-118 per Atlanta, ancora priva di Danilo Gallinari (l'azzurro e altri 11 compagni sono ancora nel protocollo anti-Covid). I Cavs si consolano con 35 punti e 11 rimbalzi di Kevin Love e l'arrivo di Rajon Rondo: accordo con i Lakers per lo scambio con Denzel Valentine per sopperire agli infortuni che terranno fuori fino a fine stagione Rubio e Sexton. A Ovest Phoenix si fa sorprendere da Boston (123-108): Booker sigla 22 punti, fra i Celtics ci pensano Brown (24 punti e 11 rimbalzi) e Smart (24 punti e 8 assist) a non far pesare l'assenza di Tatum. La seconda posizione dei Suns è minacciata da Utah, che supera Minnesota 120-108 con un Donovan Mitchell da 39 punti (massimo stagionale), 6 rimbalzi e 5 assist al rientro dopo i problemi alla schiena che gli avevano fatto saltare le ultime due gare. A dargli man forte anche Bogdanovic (24 punti e 12 rimbalzi), Clarkson (20 punti) e Gobert (14+16 oltre a 4 stoppate). Quarta vittoria di fila per Memphis sempre più nel segno di Ja Morant (30 punti nel 118-105 su San Antonio), Clippers ko contro Toronto (116-108 per i Raptors con 25 punti e 19 rimbalzi di Siakam e 31 punti di VanVleet) mentre LeBron James continua a riscrivere la storia: il giorno dopo il suo 37esimo compleanni sigla 43 punti (massimo stagionale) nel 139-106 con cui i Lakers regolano Portland. Il Prescelto diventa così il giocatore più vecchio in Nba a offrire una prestazione da almeno 40 punti e 14 rimbalzi, togliendo il primato a Larry Bird (49+14 a 35 anni nel 1992). A completare il quadro delle gare giocate nella notte le vittorie di Dallas (112-96 su Sacramento, 24 punti di Porzingis) e Oklahoma City (95-80 contro New York, 23 punti di Gilgeous-Alexander). (ITALPRESS). glb/red 01-Gen-22 10:38

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Salernitana salva, Iervolino sarà il nuovo proprietario

Articolo successivo

Mattarella “Garantire equilibrio tra economia e giustizia sociale”

0  0,00