Vittorie per Warriors e Bulls, Memphis batte Brooklyn

3 minuti di lettura

In attesa del ritorno di Gallinari (Covid alle spalle), Atlanta ko nonostante i 56 punti di Trae Young NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Notte ricca di incontri in Nba. Dieci partite con le prime della classe delle rispettive Conference che portano a casa un'altra vittoria a testa. A Ovest Golden State batte in casa Miami 115-108, nonostante l'opaca prestazione di Steph Curry che, per una volta, sorprende in negativo visto che alla fine il suo bilancio è di appena (per lui) 9 punti, 10 assist e 3 rimbalzi. Se è stata una serata no per il numero 30, se ne regala una da grande protagonista Jordan Poole che, fuori dal quintetto iniziale, mette a referto 32 punti. In doppia cifra anche Wiggins (22), Payton II (14) e, ancora dalla panchina, Bjelica e Porter Jr con 10 punti a testa. Dall'altra parte gli Heat vanno via con il rimpianto dell'infortunio di Jimmy Butler, costretto a lasciare il campo per un problema alla caviglia. Per lui 22 punti in 28 minuti. Ne fanno 19 Martin e 18 Herro, doppia doppia da 16 punti e 11 assist per Lowry, mentre dalla panchina ne arrivano 14 per Guy. A Est comanda sempre Chicago che batte 102-98 gli Orlando Magic in casa. I Bulls trovano nei 29 punti di DeRozan e nei 27 di LaVine le chiavi del successo, ma anche e soprattutto nella doppia doppia da 13 punti e 17 rimbalzi di Vucevic, oltre che nei 17 punti, dalla panchina, di White. Buona la prestazione di Orlando ma non bastano i 22 punti di Wagner, i 21 di Carter Jr (per lui anche 10 rimbalzi), i 19 di Harris e i 15 di Ross. Bella vittoria di Memphis che allunga la serie positiva, imponendosi 118-104 sul parquet dei Nets. Grizzlies trascinati dai 36 punti di Ja Morant (anche 8 assist e 6 rimbalzi per lui), ma anche dai 29 di Bane (8 rimbalzi), mentre dalla panchina ne arrivano 16 da Clarke e 12 a testa da Culver e Jones. Brooklyn non riesce a evitare il terzo ko consecutivo nonostante i 26 punti di Kevin Durant e i 19 (con 8 assist) di James Harden. In attesa del rientro di Danilo Gallinari (l'azzurro si è messo alle spalle il Covid), Atlanta, nonostante i 56 punti e 14 assist di un sontuoso Trae Young perde sul parquet di Portland che si impone 136-131 con i 43 punti di Anfernee Simons. Nelle altre gare della notte vincono Philadelphia (133-113 contro i Rockets con tripla doppia da 31 punti, 15 rimbalzi e 10 assist per Joel Embiid), Washington (124-121 sugli Hornets con 36 punti e 14 assist per Kuzma), Pistons (a sorpresa contro i Bucks per 115-106 con i 34 punti di Bey e nonostante i 31 punti, 10 rimbalzi e 7 assist di Giannis Antetokounmpo), Utah Jazz (115-104 sui Pelicans con 29 punti di Donovan Mitchell), Mavericks (103-89 sui Nuggets con 21 punti, 15 assist e 8 rimbalzi per Luka Doncic, mentre per Denver Nikola Jokic chiude con 27 punti e 16 rimbalzi) e Timberwolves (122-104 in casa dei Clippers con 28 punti per Anthony Edwards). (ITALPRESS). ari/red 04-Gen-22 09:35

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sinistra e renzismo. Il male oscuro denunciato da D’Alema. Ha ragione Rizzo?

Articolo successivo

Tennis: Torneo Adelaide. Bronzetti eliminata, Kenin vince in 2 set

0  0,00