Calcio: Supercoppa Spagna. Xavi “Real più forte,ma Clasico imprevedibile”

3 minuti di lettura

"Vincere e andare in finale sarebbe molto importante per il Barça", dice il tecnico RIYADH (ARABIA SAUDITA) (ITALPRESS) – "E' un'opportunità, una sfida che può essere la svolta per noi. Siamo molto motivati, vogliamo giocare una gara da protagonisti, facendo il nostro calcio e difendendo bene". Così Xavi alla vigilia della semifinale della Supercoppa spagnola in programma domani, a Riyadh, contro il Real Madrid. Di Clasicos in carriera ne ha giocati tantissimi, spesso ha avuto la meglio, ma adesso è tutto diverso, ora si ritrova ad affrontare i rivali di sempre come allenatore di una squadra che non è ai livelli di quel Barça che guidava in campo in cabina di regia. "Il Real è la squadra più forte di Spagna, ma il Calsico è sempre imprevedibile e noi dobbiamo scendere in campo per cercare di sfruttare le nostre armi migliori e provare fino in fondo a meritarci la finale", spiega Xavi che domani potrà contare per la prima volta Ferran Torres. "Per noi è una splendida notizia sapere di averlo a disposizione, così come riavere Pedri e recuperare Ansu, anche se siamo consapevoli che bisognerà gestire i minuti di questi giocatori che sono reduci dal Covid o da infortuni. Sono calciatori che fanno la differenza, sono elementi-chiave per il gioco che vogliamo fare". Xavi parla di "esame importante", di una sfida che può dire al suo Barça "fino a dove si può arrivare, per quali obiettivi possiamo competere, può aiutarci a capire a che punto è arrivato il nostro percorso di crescita". Ma al di là della forza dell'avversario, questo Clasico ha un motivo in più per essere considerato di grande importanza. "Vincere vorrebbe dire andare in finale, ma ci darebbe anche credibilità, fiducia in noi stessi, è una grandissima opportunità per cercare di vincere un titolo, sarebbe molto importante per noi battere il Real". Xavi non cerca "scuse", non vuole parlare di differenze di organico, non vuole sentir parlare di un Clasico che arriva troppo presto per lui: "E' chiaro che abbiamo bisogno di tempo, ma anche che lavoriamo per competere, siamo il Barcellona e dobbiamo lottare per vincere sempre. Non sono un visionario, guardo quello che ho, vedo le cose positive che con il passar del tempo stanno venendo fuori, ma so perfettamente che c'è ancora tanta strada da fare. Il Real è in grande forma, noi siamo in fase di costruzione, ma la storia dice che in una partita come il Clasico può succedere qualsiasi cosa. Non sarà facile ma il nostro obiettivo è andare in finale giocando il nostro calcio". (ITALPRESS). ari/red 11-Gen-22 18:06

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Draghi “Sassoli voleva un’Europa capace di raggiungere risultati”

Articolo successivo

Basket: Eurolega. Rinviata Armani Milano-Unics Kazan

0  0,00