Calcio: Bayern unico club campione in utile, per Inter -245,6 mln

4 minuti di lettura

È quanto emerge dallo studio 'The European Champions Report' di KPMG Football Benchmark MILANO (ITALPRESS) – La seconda stagione calcistica disputata in epoca pandemica evidenzia una netta flessione delle performance economiche dei club campioni dei principali campionati europei (Inghilterra, Francia, Germania, Spagna, Italia, Olanda, Portogallo e Turchia. È quanto emerge dallo studio 'The European Champions Report' di KPMG Football Benchmark, giunto quest'anno alla sua sesta edizione, che revisiona e compara i principali indicatori di business perfomance dei campioni delle sei leghe più importanti nella stagione 2020/2021. Con ricavi totali registrati dalla maggior parte dei club ancora inferiori ai numeri pre-COVID, in un settore caratterizzato da una struttura dei costi prevalentemente rigida, la maggior parte dei campioni ha registrato perdite rilevanti nell'esercizio terminato a maggio/giugno 2021. Il Bayern Monaco è stato l'unico club, tra quelli analizzati, a chiudere in utile, sebbene le cifre in valore assoluto siano leggermente inferiori rispetto alla scorsa stagione. Risultato comunque eccezionale, se si considera che questo è il 29° anno consecutivo chiuso con un profitto netto. Il club bavarese ha registrato ricavi per 597,5 milioni di euro (-2%), chiudendo la stagione con un utile di 1,8 milioni di euro (rispetto ai 5,9 milioni della stagione precedente). Il Manchester City ha registrato i ricavi più alti tra i club presi in considerazione: 664 milioni di euro, un risultato che supera il record del club dell'ultima stagione prima della pandemia (pari a 548 milioni di euro). In crescita (+19% anno su anno) anche i ricavi totali dell'Inter pari a 347 milioni di euro, che tuttavia fanno registrare una perdita netta di 245,6 milioni di euro (la più alta mai registrata da una squadra di calcio italiana). Pesano la crescita dei costi operativi, i ricavi legati alle presenze allo stadio in occasione delle partite e i bassi ricavi da player trading. Crolla, invece, la redditività dell'Atletico Madrid, che registra una perdita di 111,7 milioni di euro, una variazione negativa netta rispetto allo scorso anno, dovuta principalmente all'assenza di ricavi connessi alle grandi cessioni registrate nel corso dell'anno precedente. Sebbene ci siano delle eccezioni, la tendenza più comune osservata è stata che i ricavi operativi – duramente colpiti da una quasi totale perdita degli incassi da botteghino e sia pure parzialmente mitigata da ricavi radiotelevisivi e commerciali stabili o in aumento – non sono riusciti a compensare i costi del personale generalmente elevati e la flessione dei redditi connessi alla compravendita dei cartellini dei giocatori. È importante evidenziare, inoltre, che i dati sulla crescita dei ricavi sono per lo più correlati alle entrate dei diritti tv incassati in ritardo per le partite posticipate della precedente stagione 2019/20 a causa del Covid. In calo anche i ricavi dovuti alla compravendita dei cartellini dei calciatori, che hanno visto una riduzione dei valori a causa della crisi che ha colpito le società. L'Inter tra le squadre analizzate è quella che ha ridotto maggiormente nelle ultime due stagioni la spesa per l'acquisto di calciatori. Anche il valore dei cartellini dei calciatori ha subito l'impatto del Covid-19. L'Inter, ad esempio, ha visto ridursi del 12% il valore della propria rosa: questo a causa della scarsa disponibilità economica sul mercato, che ha deprezzato il player trading, ma anche della cessione di alcuni elementi importanti la scorsa estate. (ITALPRESS). glb/com 12-Gen-22 12:02

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il Pallone Racconta – Stasera Inter-Juve, in palio c’è la Supercoppa

Articolo successivo

Da formiche a falene: adesso al piccolo risparmiatore italiano piace rischiare con le criptovalute

0  0,00