Malagò “A Pechino vinceremo più medaglie del 2018”

1 minuto di lettura

"Nel numero mi sento tranquillo, sulla qualità vedremo" ROMA (ITALPRESS) – "Al momento gli atleti azzurri qualificati per Pechino sono 119, in pratica gli stessi numeri dell'edizione del 2018 in Corea, quando partimmo in 122. Stiamo aspettando le ultime quote di riallocazione. L'obiettivo è fare meglio della Corea sia nel numero che nella qualità delle medaglie: nel numero mi sento tranquillo, sulla qualità vedremo". È fiducioso, in vista dei prossimi Giochi Invernali, il presidente del Coni Giovanni Malagò, oggi in conferenza stampa al termine della Giunta odierna al Foro Italico. "Le Olimpiadi si faranno e questo è ciò che conta – ha aggiunto il numero uno dello sport italiano – Non so in quanti altri paesi tutto questo sarebbe andato avanti. La scelta sul pubblico si poteva immaginare: far entrare i tifosi per invito e non vendere biglietti mi pare una cosa di poca importanza". Malagò ha anche annunciato che "il 9 marzo la Giunta e il Consiglio nazionale si terranno a Milano, a San Siro, che sarà teatro della cerimonia di apertura dei Giochi invernali del 2026. Il giorno 20 febbraio a Pechino prenderemo la bandiera e da quel momento Milano sarà infatti città olimpica". "Se mi auguro un prossimo presidente della Repubblica vicino al mondo dello sport? Io non parlo mai di politica, penso solo che dal nostro punto di vista tutto quello che è diverso dal ticket attuale Mattarella-Draghi ci fa perdere qualcosa", ha replicato il presidente del Coni, che manderà "una lettera alla sottosegretaria Vezzali sullo stato dell'arte del mondo dello sport. È forte il grido d'allarme delle società sia professionistiche che di base: tutti aspettano ristori e supporto, perché avevano visto un po' di luce e oggi invece si ritrovano di fronte al baratro e al timore di non farcela. Tutti hanno bisogno di aiuto, più grande sei e più problemi hai, a cominciare dalle squadre di calcio – ha aggiunto il numero uno dello sport italiano – Sono tanti i temi sul tavolo, in primis c'è il problema del caro energetico e delle maxi bollette". Annunciato anche il nuovo presidente del Collegio di Garanzia del Coni, che prende il posto di Franco Frattini: si tratta di Gabriella Palmieri Sandulli. (ITALPRESS). spf/glb/red 18-Gen-22 12:44

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nestlé investe in Eureka!, 5 mln per la sostenibilità del packaging

Articolo successivo

Vezzali “Capienza stadi al 50% se situazione migliora”

0  0,00