Nba: Bulls ancora ko, Gallinari ferma i Bucks, Phoenix vola con Booker

1 minuto di lettura

Tornano a vincere i Lakers, Doncic trascina Dallas NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Chicago non riesce a ritrovarsi ma dietro ne approfitta solo Miami mentre a Ovest Phoenix è sempre più leader. Dopo l'antipasto offerto all'orario pomeridiano europeo, come da tradizione nel Martin Luther King Day, la giornata Nba è proseguita e non senza sorprese. I Bulls restano la prima forza della Eastern Conference ma, complici le tante assenze, incassano la quarta sconfitta di fila per mano di Memphis, fra le squadre più in forma del momento (12 vittorie nelle ultime 13): 119-106 per i Grizzlies, con 25 punti a testa per Bane e Morant. Ad approfittarne, fra le inseguitrici, è la sola Miami (104-99 su Toronto) con un Jimmy Butler da tripla doppia (19 punti, 10 assist e 10 rimbalzi) e un Bam Adebayo da 14 punti alla prima uscita dopo sei settimane di stop. Per gli Heat anche 23 punti di Herro. Cade Milwaukee che, nonostante 34 punti di Middleton e 27 di Antetokounmpo, incassa il quarto ko nelle ultime cinque gare cedendo per 121-114 ad Atlanta. Gli Hawks tornano così a vincere alla State Farm Arena dopo dieci sconfitte di fila (l'ultima gioia risaliva al 22 novembre scorso), con 30 punti di Trae Young e un Danilo Gallinari protagonista: sua la tripla del sorpasso (104-103) a 4'37" dalla sirena e una prestazione complessiva da 16 punti (4/5 dal campo con 1/2 dall'arco e 7/8 ai liberi), tre rimbalzi, tre assist e due palle perse in 30 minuti. A Ovest serata da incorniciare per Devin Booker, che mette a referto 48 punti nel 121-107 su San Antonio che permette a Phoenix (15 punti e 12 assist di Chris Paul) di consolidare la vetta e inanellare il quarto successo di fila. Perde terreno Utah, battuta 101-95 dai Lakers che interrompono una striscia negativa che durava da tre gare: 25 punti per LeBron James, 15 (di cui 10 nell'ultimo quarto) per Stanley Johnson e Russell Westbrook, fra i Jazz 20 punti di Mike Conley e 19 punti e 16 rimbalzi di Rudy Gobert. Si rifà sotto Dallas, con un Luka Doncic (20 punti, 12 assist e 11 rimbalzi) alla terza tripla doppia in cinque partite: 104-102 su OKC, che era riuscita a risalire dal -22 del terzo quarto al -2 a 3"5 dalla fine, prima del fondamentale recupero di Hardaway jr. Assente dal 4 dicembre e costretto dunque a saltare ben 17 partite, CJ McCollum si ripresenta con 16 punti e aiuta Portland a superare Orlando 98-88 (Nurkic il migliore dei Blazers con 21 punti e 22 rimbalzi), Batum (32 punti, tutti nel secondo tempo) in evidenza nel 139-133 con cui i Clippers battono Indiana. (ITALPRESS). glb/red 18-Gen-22 09:39

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, Sileri “Con decrescita contagi regole saranno allentate”

Articolo successivo

Parla l’avvocato Giunta: “Perché abbiamo citato Draghi e il governo in Tribunale”

0  0,00