Gravina “Rinnovamento calcio va avanti, io non mi fermo”

3 minuti di lettura

"Dobbiamo mettere in sicurezza il sistema puntando alla sua sostenibilità" dice il numero 1 della Figc ROMA (ITALPRESS) – "La pandemia è una montagna che iniziamo a scalare. Il protocollo sanitario è una vittoria. La soglia del 35% di contagiati ci pone al riparo da divieti difformi delle singole Asl. Non accadrà più che si giochi con 11 positivi e si resti bloccati per 3. È una garanzia che il virus non intaccherà d'ora in poi la regolarità della competizione". Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, in un'intervista al Corriere dello Sport esprime tutta la sua soddisfazione per il nuovo protocollo Covid, il risultato di un lavoro che coinvolge tanti soggetti e che in questi due anni di pandemia non si è mai interrotto. Ora "l'auspicio è che, usciti tutti vaccinati dal picco, si torni a una capienza del 100% degli stadi. Il calcio si confermerebbe apripista della sicurezza e della normalità". Il calcio, però, è in sofferenza, le società hanno perso milioni e milioni di ricavi ("Manca un miliardo") ecco perché, secondo Gravina "non può accadere" che non arrivino i ristori. "Il calcio traina l'economia, coinvolge 12 settori merceologici diversi, vale una percentuale importante del pil e produce un gettito fiscale di oltre un miliardo. Merita almeno la stessa dignità di settori come cinema e teatro". Società in difficoltà ma che spendono con scelte discutibili. "Far crescere i costi mentre i ricavi calano vuol dire mettere a repentaglio il sistema. Questo mi preoccupa", dice Gravina che in merito alle accuse lanciate in un'intervista al Financial Times dal presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, dice: "Un conto è allarmarsi per i debiti, un altro è dire che uno vince perché ha barato. Stendo un velo pietoso sui giudizi morali che Commisso dà della classe dirigente. Dopodiché dobbiamo mettere il sistema in sicurezza. Le norme da noi già varate riducono il margine di investimento a debito, vincolandolo sui ricavi. Le renderemo ancora più stringenti. Anche per fugare sospetti e illazioni che fanno male allo sport. Dobbiamo capire che ogni scelta, ogni parola, ogni gesto hanno un impatto economico sul sistema. Continuo a pensare che il nostro calcio sia migliore di come noi stessi lo raccontiamo". Detto che "le plusvalenze fanno parte della vita attiva dell'impresa" e che "vanno perseguite quelle truffaldine", Gravina sui procuratori dice: "Diventano ricchi e potenti perché qualcuno li paga. La Figc è stata la prima a proporre un principio di controllo su provvigioni e intermediazioni. Ma serve una decisione internazionale della Fifa. Altrimenti se io pongo un tetto, non faccio che favorire il mercato straniero". Una delle battaglie del numero 1 del calcio italiano è la riforma dei campionati. "Aspetto che si compongano i nuovi organi della Lega Dilettanti, poi si parte. Entro il 30 giugno si cambia. Dobbiamo mettere in sicurezza il sistema, vuol dire puntare alla sua sostenibilità. Playoff? E' il momento di provare. Negli anni Novanta nessuno credeva ai tre punti per la vittoria, invece ha funzionato. I playoff in Lega Pro e in B sono una garanzia di visibilità e un successo. Sarebbe un errore non testarli anche in A, ma ci vuole una riforma, che riduca le squadre e modifichi il format. Ne guadagnerebbero qualità e competizione". Gravina elogia "la reazione umana dei giocatori milanisti dopo l'errore arbitrale, un esempio di sportività", poi parla del suo mandato. L'Italia insegue il Mondiale del Qatar, ma i playoff "neanche per sogno" potranno mettere in discussione la sua posizione. "Se tutto dipendesse dai risultati, la vittoria agli Europei varrebbe quanto un bonus di 4 anni. Ma non tiro io i calci di rigore. Il sistema che ho trovato non aveva prospettive. Oggi siamo nel cuore di un rinnovamento che non si fermerà, a prescindere dai risultati. Certo, mi dispiacerebbe non centrare il risultato, ma non sono preoccupato per me. Vado avanti". E se dovesse andar male ai playoff, quale sarebbe il destino di Mancini? "Questo lo valuteremo insieme, ma il percorso avviato con Roberto non è legato a un singolo risultato. C'è un progetto che ha già dato risposte importanti, in termini di entusiasmo e rilancio dell'immagine della Nazionale". Gravina avverte "un po' di scetticismo. Ma lo sfidiamo stando insieme. Io ci credo. Ci vediamo a fine mese e facciamo gruppo, come sappiamo fare noi. Ho fiducia nelle scelte che Mancini farà. L'infortunio di Chiesa mi preoccupa e mi dispiace. È come se la fortuna ci chiedesse il conto del nostro successo agli Europei. Zaniolo? Mancini ci ha sempre creduto. È tornato al massimo, lui lo sta seguendo. Joao Pedro e Luiz Felipe? Decide il ct. Per noi sono azzurri". Lo è anche Lorenzo Insigne che indossa l'azzurro della Nazionale ma che dalla prossima stagione non porterà più i colori azzurri del Napoli. Gravina ammette che ha accolto la notizia dell'imminente trasferimento in Canada con "grande dispiacere. L'ho visto crescere a Pescara nel trio delle meraviglie, con Verratti e Immobile. Saperlo in un campionato lontano mette tristezza. Ho parlato con lui e non mi sembra che ci vada a cuor leggero. Ma nelle scelte di vita talvolta la prosa prevale sulla poesia. È finita così". (ITALPRESS). ari/red 20-Gen-22 09:30

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Minacce No Vax a Draghi, perquisito amministratore canale Telegram

Articolo successivo

Io guarita dal Covid protagonista di un’odissea infinita

0  0,00