Calcio: Serie A. Andreazzoli “15 minuti crisi, reagito nella ripresa”

1 minuto di lettura

"Roma squadra straforte, Ricci ha doti importanti ma lo voglio sveglio" EMPOLI (ITALPRESS) – "Dal 24' al 38' abbiamo sbagliato, prima la gara era in equilibrio e avevamo avuto due occasioni per andare in vantaggio. Quel quarto d'ora di crisi ci ha messo in difficoltà e ci ha fatto calare l'autostima. All'intervallo ci eravamo imposti di vincere il secondo tempo, lo abbiamo stravinto e con un po' di fortuna potevamo vincerlo anche quattro a zero. Ho fatto comunque i complimenti ai ragazzi". Lo ha detto il tecnico azzurro Aurelio Andreazzoli commentando la sfida odierna disputata allo stadio "Castellani" di Empoli, fra i padroni di casa e la Roma, terminata 4-2 per i giallorossi. "I tanti gol presi? Il primo è arrivato su un tiro di Zaniolo trasformatosi in assist; poi su angolo puoi prendere gol anche nei dilettanti", ha aggiunto Andreazzoli. "Si può parlare di disgrazie anche se ci abbiamo messo del nostro. Si impara anche dalle sconfitte e si può capire, a volte, che è meglio colpire con l'interno piede che non con il tacco. Comunque, ho visto la reazione che volevo. Non facciamo differenza di impostazione fra casa e fuori: per le nostre caratteristiche abbiamo tre giocatori difensivi e poi utilizziamo giocatori di costruzione cercando di attaccare", ha detto ancora il tecnico dell'Empoli. "La coperta può essere troppo lunga o corta, ma questo atteggiamento ci ha permesso di giocare bene il secondo tempo contro una squadra straforte. Abbiamo rischiato ma ha rischiato anche la Roma stasera. Ricci? Ogni tanto si deve dare una 'svegliatina'. Ha doti importanti, vedremo alla prima esperienza in Serie A", ha concluso Andreazzoli. (ITALPRESS). lc/pdm/red 23-Gen-22 20:46

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Serie A. Mourinho “Bel risultato, vogliamo crescere”

Articolo successivo

Vaccino, in Italia 124 milioni di somministrazioni

0  0,00