Capello “Juve diventata squadra, Ibra determinante e limite”

2 minuti di lettura

L'ex tecnico bianconero e rossonero: "Ho avuto il Covid molto forte, so come ti debilita" ROMA (ITALPRESS) – "Ho visto una crescita della Juve come squadra, mentalità e voglia di soffrire: Dybala ha recuperato palla e fatto contrasti come non faceva da tempo, il Milan si è basato solo su giocate di Leao e Theo, mi è sembrato leggermente in affanno come gioco, si capiva sempre cosa voleva fare. Meglio la Juve rispetto al Milan, che pensavo potesse fare qualcosa di più". Lo ha detto Fabio Capello, ex tecnico di Milan e Juventus, commentando il pareggio a reti inviolate di ieri sera tra le due squadre a San Siro. "Da un po' di tempo la Juventus è squadra, e quando non subisci gol e tutti soffrono, ci sono le basi su cui costruire e puntare anche quest'anno gli avversari che ha davanti – sottolinea Capello ai microfoni di Radio Anch'io Sport, su Rai Radio 1 – Finalmente si vede il lavoro di Allegri, le altre devono stare attente: quando la Juve ritrova questa mentalità, diventa difficile per tutti. Vlahovic? Sarebbe l'uomo giusto, per adesso e per il futuro: è il giocatore più interessante del campionato". Per quanto riguarda Ibrahimovic, uscito ieri per l'ennesimo infortunio, "solo lui può pensare se andare avanti o meno, e siccome è molto orgoglioso prenderà la decisione migliore. Per il rinnovo del contratto c'è tempo, oltre ad essere un realizzatore fa paura agli avversari e ha grandi visione di gioco. E' un punto di riferimento importante – prosegue l'ex mister della Roma – Quando non è in campo il Milan perde: è determinante ma anche un limite per la squadra". Capello poi non parla di 'campionato falsato' ma sicuramente la costante emergenza sanitaria non contribuisce al suo normale svolgimento. "Con la pandemia, cerchiamo di portarlo alla fine, anche se ci sarà chi è penalizzato e chi è favorito – spiega 'Don Fabio' – Ho avuto il Covid molto forte, so come ti debilita, è un campionato che va accettato". L'ex ct dell'Inghilterra analizza anche il gran momento dell'Inter: "La squadra di Inzaghi è forte, ha creato questo nuovo ciclo, con difesa e centrocampo dai movimenti consolidati grazie al lavoro Conte e con tante alternative davanti. Ha voglia di fare e di sacrificarsi, va dato merito a Inzaghi per questo spirito". Per lo scudetto è ovviamente la favorita numero uno: "Può mettere a posto la classifica prima di questo ciclo durissimo. La Champions? Quando metteremo il naso nelle coppe europee, sarà interessante vedere se il calcio italiano è competitivo, almeno in una squadra". Sul Napoli: "E' forte ed è stato penalizzato dall'infortunio di Osimhen, che per gli azzurri era come Lukaku all'Inter l'anno scorso. Faceva la differenza, anche se tecnicamente non è il massimo, e creava problemi agli avversari. La scelta di Insigne di andare a Toronto? Ho giò detto che avrebbe fatto un gran campionato sino alla fine. Era difficile alla sua età rinunciare all'offerta, così si sistema per la vita: è una scelta economica e non sportiva, sarà un problema per Mancini non poterlo seguire". Infine Capello si sofferma su Mourinho e il suo lavoro alla Roma: "Ha cercato di imporre un sistema di gioco e una mentalità diversi, ora si vedono i primi frutti del suo lavoro. Questa Roma è più aggressiva, veloce e determinata, è una squadra che non potrà vincere il campionato ma darà fastidio a tutti". (ITALPRESS). mc/red 24-Gen-22 09:52

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Quirinale. Eleggere Draghi? Ecco come continua a dividere gli italiani

Articolo successivo

Dati Iss, i fattori reali di rischio: ecco come andrebbero analizzati. La scoperta choc

0  0,00