Quirinale. Eleggere Draghi? Ecco come continua a dividere gli italiani

1 minuto di lettura

Non sono sorpreso dalla superficialità, dal pressapochismo, dalla dabbenaggine mostrata a più riprese dal premier Draghi e dal suo governo. Ho una pessima opinione del personaggio fin da quando era Governatore di Bankitalia e da allora ho trovato solo (pessime) conferme. Forse sono un pochino prevenuto, ma gli errori, a volte grossolani, continuano a costellare la sua azione e la sua comunicazione.

L’ultima figuraccia l’ha fatta in conferenza stampa, dove ha dato la parola al Ministro Speranza che ha mostrato dati sui non vaccinati, vaccinati e vaccinati con terza dose con percentuali in terapie intensive che non corrispondono ai dati pubblicati due giorni prima dall’Istituto Superiore di Sanità. Ormai è difficile capire quale sia per noi l’ipotesi peggiore, se l’inettitudine o la malafede di chi occupa il potere in Italia.

Il nocciolo del problema è che l’azione del governo nel suo complesso, al contrario di quanto affermato da Mattarella, ha diviso il popolo in fazioni, ha fomentato l’odio sociale, ha letteralmente provocato la “caccia ai no vax”, come efficacemente riassunto dal titolo di qualche quotidiano.
Con quest’ultimo obbligo ha di fatto creato una nuova spaccatura sociale, definendo vaccinati di serie A e vaccinati di serie B. Infatti, con l’obbligatorietà del vaccino le persone che dovessero soffrire di eventi avversi potranno accedere ai fondi destinati a chi ha subito un danno. Invece tutti quelli che si sono già vaccinati volontariamente non potranno accedere a tali fondi. E non si tratta di teorie, poiché è già accaduto che per una persona deceduta a causa della vaccinazione gli eredi hanno chiesto di poter accedere al fondo, ma la richiesta è stata rifiutata dal Ministero della Sanità proprio con quella motivazione: “la vaccinazione è volontaria”.

Una ennesima astruseria combinata da questo governo è in dirittura d’arrivo: a quanto pare, agli uffici postali si potrà accedere solo con Green Pass, ma non verrà richiesto a chi deve ritirare la pensione. L’ennesima divisione senza alcun senso sanitario provocata da un governo ormai allo sbando.
Alla fine comunque Draghi ha fallito anche in questo, poiché sta accadendo che si ritrovano tutti uniti, ma contro di lui.

Giovanni Passali

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Quirinale. Fischio di inizio e palla “al centro”? Ma attenzione, il 13 porta sfortuna

Articolo successivo

Capello “Juve diventata squadra, Ibra determinante e limite”

0  0,00