Golden State ok, Lebron e Durant capitani All-Star Game

1 minuto di lettura

Warriors vincenti contro i Timberwolves, Lakers ko contro Philadelphia NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Solo due partite nella notte Nba, ma anche i primi importanti passi dell'All-Star Game 2022, in programma a Cleveland tra il 18 e il 20 febbraio. A sfidarsi, per il secondo anno consecutivo, i team capitanati da LeBron James (Los Angeles Lakers, quinto anno consecutivo da capitano) e Kevin Durant (Brooklyn Nets), votati come migliori giocatori delle rispettive Conference. Svelati anche i 10 giocatori che scenderanno in campo, mentre le riserve sarannno svelate giovedì prossimo. Intanto i titolari della Eastern Conference sono: DeMar DeRozan (Chicago Bulls), Trae Young (Atlanta Hawks), Joel Embiid (Philadelphia 76ers), Kevin Durant (Brooklyn Nets) e Giannis Antetokounmpo (Milwaukee Bucks). Dall'altra parte, per la Western Conference, ecco Stephen Curry (Golden State Warriors), Ja Morant (Memphis Grizzlies), LeBron James (Los Angeles Lakers), Nikola Jokic (Denver Nuggets) e Andrew Wiggins (Golden State Warriors). Intanto, come detto, due partite giocate nella notte. Privi proprio di LeBron James (fastidio a un ginocchio), i Lakers perdono nettamente a Philadelphia. I Sixers si impongono 105-87 con Joel Embiid che, ancora una volta, è decisivo per i suoi come dicono i numeri. Per il camerunense 26 punti, 9 rimbalzi e 7 assist, ma sono altrettanto importanti le prestazioni di Tobias Harris che di punti ne fa 23 e di Tyrese Maxey che chiude con una doppia doppia da 14 punti e 10 rimbalzi e sono 14 anche i punti che arrivano da Niang dalla panchina. Per i Lakers niente da fare, altra sconfitta nonostante la doppia doppia da 31 punti e 12 rimbalzi di Anthony Davis e i 20 punti di Russell Westbrook. In doppia cifra anche Monk che si ferma a 11. Se i Lakers zoppicano vistosamente, Golden State viaggia veloce e conquista la quarta vittoria consecutiva battendo in casa per 124-115 i Minnesota Timberwolves. Step Curry mette a referto 29 punti, 8 rimbalzi e 6 assist, sono 23 i punti di Klay Thompson, 19 quelli di Andrew Wiggins e, dalla panchina, di Jordan Poole. Agli ospiti non bastano i 31 punti e 12 rimbalzi di Karl-Anthony Towns e i 27 punti di Anthony Edwards per fermare i Warriors. (ITALPRESS). ari/red 28-Gen-22 12:16

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Quirinale, Toti “Votare Casellati non è una provocazione”

Articolo successivo

Antartide, dalle nubi polari nuove informazioni sul clima

0  0,00