Tennis: Australian Open. Berrettini “Orgoglioso di me stesso”

1 minuto di lettura

"Ho vissuto un bel viaggio, anche se non è finito come avrei voluto" MELBOURNE (AUSTRALIA) (ITALPRESS) – Matteo Berrettini, dopo il ko nelle semifinali degli Australian Open, contro Rafael Nadal è più "orgoglioso" per il percorso fatto che "deluso" per la sconfitta patita per mano dello spagnolo. "Ho vissuto un bel viaggio, anche se non è finito come avrei voluto. Sono deluso dal risultato di questa semifinale, mi aspettavo di più da me stesso, ma è stato un match difficile, in particolare sotto il profilo fisico. Devo imparare da questo incontro e da questo torneo: devo continuare a migliorare", ha spiegato l'azzurro. "Quando arrivi alla fine di un torneo come questo ovviamente un po' stanco lo sei. In più, ho tribolato per problemi di stomaco, e poi con un paio di storte alla caviglia, una prima e una durante il torneo. Sono cose che accadono, bisogna cercare di farci i conti, ma sarebbe sempre meglio evitare problemi di questo genere. Ovviamente non è per queste ragioni che ho perso la partita. Ho perso perché Rafa è stato più forte di me. Il prossimo obiettivo sarà di fare ancora meglio", ha aggiunto il romano. "Non ho cominciato come avrei voluto, per tante ragioni. Forse il fatto di essere in semifinale, contro Nadal, sul campo centrale, ha inciso. Poi ho avuto una bella reazione. Mi sono detto 'reagisci da campione' e di questo sono orgoglioso: ho giocato bene nel terzo e nel quarto set e credo che in quel momento il match sia anche diventato piacevole da vedere. Ma il punto è che contro uno come Rafa non puoi giocare due set come quelli che ho giocato io all'inizio. Nemmeno se fossi entrato con l'attitudine del terzo set sarei stato sicuro di poterla vincere, ma l'atteggiamento nei primi due non è stato positivo", ha precisato Berrrettini, concludendo con il solito "ottimismo". "In un certo senso, è positivo che io sappia di avere ancora margini di miglioramento. In ogni caso, sono soddisfatto del mio percorso a Melbourne. Devo trovare un equilibrio tra il fatto di chiedere sempre tanto a me stesso e l'essere contento per i risultati che ottengo. Non è sempre facile, perché perdere dà fastidio, ma bisogna vedere anche da dove si è partiti". (ITALPRESS). pdm/com 28-Gen-22 13:15

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La disoccupazione non diminuisce nonostante le misure

Articolo successivo

Caro bollette, Putin potrebbe salvarci ma la Ue non vuole?

0  0,00