Gandini “Dal governo scarsa attenzione, ora servono i rimborsi”

2 minuti di lettura

"La proroga del credito d'imposta non basta", l'allarme del presidente della Lega Basket Serie A ROMA (ITALPRESS) – "Quello che manca è un rimborso diretto per i club che hanno dovuto giocare un anno e mezzo a porte chiuse: dal Governo abbiamo avuto finora scarsa attenzione". Umberto Gandini lancia un messaggio forte all'Esecutivo. Il mondo del basket, come tutto lo sport, sconta ancora le conseguenze della pandemia, con impianti solo parzialmente riaperti e capienze fortemente limitate per frenare la diffusione del Covid-19. Rispetto ad altri settori dell'intrattenimento, però, lo sport ha ricevuto finora dal Governo un sostegno molto limitato. "Per noi aver giocato quasi tutta la stagione 2020-21 a porte chiuse e dover subire anche quest'anno capienze ballerine è un danno economico importante – spiega all'Italpress il presidente della Lega Basket Serie A – La proroga del credito d'imposta non basta, peraltro per il momento prevista soltanto fino al 31 marzo, mentre dovrebbe essere estesa al prossimo 31 dicembre 2022. Manca un ristoro diretto per i mancati introiti da botteghino, principale fonte di incasso per le nostre società". "La nostra attività è sempre rimasta aperta durante la pandemia ma questo non è mai stato preso in considerazione – prosegue Gandini – Abbiamo giocato con diverse restrizioni e non abbiamo ricevuto ristori, come invece è avvenuto ad altre attività del comparto dell'intrattenimento che peraltro sono state ferme, quindi non hanno avuto introiti ma hanno potuto anche ridurre i costi. Non voglio fare polemica perché altri sono riusciti ad ottenere il sostegno del Governo, ma notiamo una diversa attenzione all'imprenditore quando si occupa di attività canoniche rispetto a quando si occupa di sport". L'ultima modifica al recente decreto sostegni ter ha ampliato a livello temporale e di perimetro la possibilità di rimborso delle spese sanitarie, ma sui mancati introiti da botteghino non ci sono novità. "Non mi permetto di giudicare l'operato di Valentina Vezzali, il suo impegno è totale – osserva Gandini – Quello che lamentiamo è la scarsa attenzione del Governo verso lo sport. Non è neppure possibile scontare i problemi del mondo del calcio, che ha avuto danni impressionanti: se non si trova un modo per aiutare queste società, non si può dimenticare tutte le altre realtà". E proprio dal mondo del calcio è arrivato di recente il grido d'allarme dell'amministratore delegato dell'Inter, Giuseppe Marotta, sul rischio default dell'intero sistema. "Il calcio ha sempre privilegiato gli investimenti nel costo del lavoro, nei giocatori e nei tecnici piuttosto che nelle infrastrutture o in altri campi – ricorda Gandini, per oltre venti anni dirigente del Milan e poi della Roma – Ciò che fa cambiare il bilancio sono in modo particolare i risultati sportivi, che creano un circolo virtuoso: per questo la ricetta è sempre stata quella di investire nella qualità dei giocatori per poi avere maggiore potere di attrazione nei confronti degli sponsor e maggiori entrate dal botteghino. Il Covid ha messo a nudo tutto ciò che non è stato fatto in altri settori, che avrebbe permesso di rispondere meglio alle difficoltà attuali. È normale che ci sia bisogno di aiuti ma anche il calcio deve dare un segnale di aver compreso che vivere a mille all'ora non è possibile ed è necessario applicare regole ferree". (ITALPRESS). spf/glb/red 29-Gen-22 13:06

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sci alpino: Cdm donne. Suter conquista discesa Garmisch, Nadia Delago 5^

Articolo successivo

Draghi “La rielezione di Mattarella splendida notizia per il Paese”

0  0,00