Il keniano Sawe vince in 58’02” la mezza maratona Roma-Ostia

1 minuto di lettura

L'azzurro Faniel chiude all'ottavo posto ROMA (ITALPRESS) – Mai così veloce una mezza maratona in Italia. È l'edizione dei record, la 47esima della RomaOstia Half Marathon, con i nuovi primati della gara e i migliori crono di sempre sul suolo nazionale. Al maschile il keniano Sebastian Sawe corre in un formidabile 58'02", per demolire il 58'44" del connazionale Solomon Kirwa Yego stabilito nel 2016, con il secondo risultato mondiale dell'anno ma in tutto sei uomini riescono ad abbattere il muro dell'ora. Anche tra le donne vince il Kenya con Irene Kimais a trionfare in 1h06'03" superando il record della manifestazione, 1h06'35" dell'altra keniana Joyce Chepkemoi Tele nella scorsa stagione, e il tempo più rapido della storia per una gara italiana sui 21,097 chilometri, che resisteva dal 2007 quando l'olandese Lornah Kiplagat conquistò il titolo mondiale a Udine (1h06'25). In chiave azzurra Eyob Faniel chiude all'ottavo posto in 1h00'36", dopo due mesi di allenamenti sugli altipiani keniani dove tornerà nei prossimi giorni. Per il vicentino delle Fiamme Oro, ex primatista nazionale sulla distanza (1h00'07 battuto una settimana fa da Yeman Crippa con 59"26 a Napoli), è un test significativo in vista della prossima maratona del 18 aprile a Boston. Si comporta bene Yassine El Fathaoui (Circolo Minerva Parma), a sua volta azzurro alle ultime Olimpiadi di Tokyo, sceso fino a 1h01'44 con oltre due minuti di progresso sul personale di 1h04'11, in tredicesima posizione. La migliore italiana è invece Rebecca Lonedo (Atl. Vicentina), settima in 1h13:12, davanti a Sara Carnicelli (Athletica Vaticana) che si migliora nettamente, ottava con 1h14'02. Secondo posto nella gara degli uomini per Gemechu Dida (Etiopia, 59:21) seguito dai keniani Leonard Kipkoech Langat (59:22), Moses Koech (59:31), Moses Kemei (59:46), Sila Kiptoo (59:56) e Paul Tiongik (Gp Parco Alpi Apuane, 1h00:01). Sul podio femminile anche le due etiopi Madina Kadir Mehamed (1h07:09) e Shure Demise Ware (1h08:17) che precedono la statunitense Allie Kieffer (1h09:17). (ITALPRESS). pc/com 06-Mar-22 13:34

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ucraina, Di Maio “Rafforzata partnership energetica con il Qatar”

Articolo successivo

Migno vince in Moto3 davanti a Garcia nel Gp del Qatar

0  0,00