Tennis: Torneo Indian Wells. Djokovic si cancella, Dimitrov al suo posto

1 minuto di lettura

Il campione serbo, non vaccinato contro il Covid, non giocherà nemmeno a Miami ROMA (ITALPRESS) – Adesso è ufficiale: Novak Djokovic non giocherà Indian Wells e Miami, i primi due Masters 1000 della stagione. Il fuoriclasse serbo lo ha annunciato con un breve messaggio sui suoi profili social. "Ero inserito automaticamente nell'entry list dei due tornei ma sapevo che avrei avuto poche possibilità di viaggiare negli Stati Uniti – ha scritto il numero 2 del mondo – Il CDC (Centro per il Controllo e la prevenzione delle Malattie, ndr) ha confermato che le regole non cambieranno e dunque non potrò giocare. Buona fortuna a chi sarà in tabellone". La questione riguarda sempre la ferma volontà di Djokovic di non vaccinarsi contro il Covid-19. Il CDC, infatti, stabilisce solo un numero limitato di eccezioni per l'ingresso negli Usa di cittadini stranieri non vaccinati che arrivino non con un visto per gli immigrati. Dal punto di vista del tabellone, considerato che Djokovic ha annunciato di essersi cancellato prima che sia stato comunicato l'ordine di gioco del primo giorno del main draw maschile, il suo posto sarà preso da Grigor Dimitrov. Il bulgaro, giocatore meglio classificato fra gli esclusi dalle teste di serie nell'originaria formulazione del tabellone, affronterà nel suo match d'esordio al secondo turno Jordan Thompson o David Goffin per una possibile riedizione della finale delle Nitto ATP Finals 2017. Il lucky loser kazako Mikhail Kukushkin ha invece preso il posto in tabellone di Dimitrov, dunque inizierà il torneo sfidando al primo turno Tommy Paul: chi vince incontrerà al secondo turno il numero 3 del ranking Alexander Zverev. (ITALPRESS). mc/com 10-Mar-22 08:09

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bertagnolli vince l’argento nel gigante alle Paralimpiadi

Articolo successivo

McDonald’s se ne va dalla Russia: un nuovo mondo è alle porte

0  0,00