Ok Phoenix, Dallas e Milwaukee, Warriors in ansia per Curry

2 minuti di lettura

Bene anche Utah, Denver e Philadelphia, battuti gli Hawks di Gallinari ROMA (ITALPRESS) – Terza vittoria di fila, 56 su 70 in questa stagione. Phoenix dimostra una volta di più perchè è la squadra col miglior record della lega godendosi un Devin Booker da 36 punti con 15/24 dal campo nel 129-112 su Houston. Per i Suns anche 26 punti di Bridges e doppia doppia di Ayton (23 punti e 11 rimbalzi). Golden State fallisce invece l'aggancio al secondo posto occupato da Memphis, battuta 110-88 da Boston. Ma a preoccupare i Warriors è l'infortunio al piede sinistro riportato da Stephen Curry nel primo tempo, complice una giocata di Marcus Smart che coach Kerr non ha esitato a definire "pericolosa". Per i Celtics 26 punti e 12 rimbalzi di Tatum, 26 punti anche per Brown. Golden State deve ora guardarsi le spalle perchè dietro vincono Utah, Dallas e Denver. Donovan Mitchell prende per mano i Jazz nel 125-110 su Chicago chiudendo con 37 punti, 25 dei quali nel solo terzo quarto, mentre c'è il timbro del solito Nikola Jokic nel successo di Denver su Washington (127-109): per il serbo 29 punti (sfondata quota 10 mila in Nba), 13 rimbalzi e 8 assist, a un passo dalla 19esima tripla doppia della stagione. I Mavericks, invece, piegano Brooklyn al fotofinish, grazie alla tripla alla sirena dell'ex di turno Dinwiddie (22 punti alla fine di cui 15 nell'ultimo periodo) per il 113-111 finale. Il migliore fra i texani è comunque il solito Luka Doncic (37 punti, 9 rimbalzi e 9 assist), fra i Nets 23 punti, 10 assist e 6 rimbalzi di Durant, la cui tripla a 10" dalla fine sembrava potesse essere decisiva per centrare la quinta vittoria di fila. Continua invece il calvario dei Lakers (16 ko in 21 gare), battuti 124-104 da una delle squadre più in forma del momento, Minnesota, al nono risultato positivo nelle ultime dieci uscite. Decisivi Towns (30 punti) ed Edwards (27 punti), con i Wolves volati a +25 nel secondo quarto, ai gialloviola non basta un sofferente LeBron James (19 punti), alle prese con un fastidio al ginocchio. Non se la passa meglio l'altra sponda di Los Angeles, coi Clippers battuti 103-100 da Toronto (31 punti per Siakam), in serie utile da cinque match. A Est Milwaukee e Philadelphia cercano di avvicinarsi alla capolista Miami. Antetokounmpo (36 punti e 10 rimbalzi) e Middleton (32+8+8) sono i protagonisti del 135-126 su Sacramento con cui i Bucks centrano l'ottava vittoria in nove gare, cresce l'intesa fra Embiid (35 punti e 17 rimbalzi) e Hadern (21 punti e 11 assist) fra i Sixers, che superano anche l'ostacolo Cleveland (118-114). In quello che potrebbe essere un antipasto di play-in, Charlotte batte 116-106 Atlanta con 22 punti, 11 assist e 8 rimbalzi di LaMelo Ball. Fra gli Hawks 17 punti e 15 rimbalzi di Capela, male Danilo Gallinari partito in quintetto: appena 14 minuti sul parquet con 5 punti (1/2 da due e 1/3 da tre), due rimbalzi e tre assist. A completare il quadro delle gare della notte, la disfatta di Portland contro New York (128-98 per i Knicks con 31 punti di Barrett) e il ritorno al successo di San Antonio (122-120 su OKC con 26 punti e 12 assist di Murray). (ITALPRESS). glb/red 17-Mar-22 09:30

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Banche in fuga dalla Russia, Unicredit guida le italiane

Articolo successivo

Ciclismo: Milano-Sanremo, Pogacar “Pronti per una grande corsa”

0  0,00