Rally Italia Sardegna, novità nel percorso 2022

2 minuti di lettura

L'evento è organizzato dall'Automobile Club d'Italia in partnership con la Regione Sardegna. ROMA (ITALPRESS) – Ci saranno alcune novità nel percorso della 19a edizione del Rally Italia Sardegna, organizzato dall'Automobile Club d'Italia in partnership con la Regione Sardegna. Ci sarà una tappa di sabato estremamente impegnativa che prevede otto prove speciali senza ritorno al parco assistenza a metà giornata, i piloti infatti effettueranno solo una tyre fitting zone a Buddusò. Il lungomare di Alghero che ha già ospitato il rally dal 2014 al 2020, torna ad ospitare il parco assistenza della manifestazione, dopo che l'anno scorso la gara era tornata ad Olbia. Restano 21 le prove speciali in programma, mentre la nuova lunghezza totale della gara è di 308.63 km. Giovedì mattina la gara inizia con la novità di un nuovo shakedown ad Alghero (3,48 km), mentre il resto della giornata rimane invariato con la prova speciale di apertura prevista giovedì sera ad Olbia – Cabu Abbas nella periferia della città, mentre ci saranno significative modifiche nei tre giorni successivi che riducono di quasi 150 i km di trasferimento originariamente previsti. Dopo la ripartenza mattutina di venerdì da Olbia, i due passaggi sulle speciali di Terranova e Monti di Alà – Buddusò saranno seguiti dal parco assistenza di Alghero come originariamente previsto. Nel pomeriggio saranno invece in programma i crono di Osilo – Tergu, che ritorna dopo un anno di assenza, e Sedini – Castelsardo che entrambi in origine erano stati programmati per la tappa di sabato. La seconda giornata di sabato inizia con due speciali al mattino a Tempio Pausania ed Erula-Tula che erano precedentemente previste per venerdì pomeriggio. Poi il pomeriggio è dedicato alle strade speciali del Monte Acuto, con un doppio passaggio a Coiluna – Loelle e Monte Lerno – Pattada, che presenta il famoso salto di Monte Lerno, e che è l'unica prova speciale disputata in tutte le 19 edizioni della gara, che in origine erano state programmata per la mattinata. La tappa finale di domenica tutta ricavata a nord di Alghero torna al suo aspetto più tradizionale. Sarà il crono di Cala Flumini, non più quello di Olmedo Monte Baranta, ad iniziare la giornata seguito dalla fantastica prova di Sassari – Argentiera, che termina con il suo classico finale a bordo spiaggia. Le due prove verranno ripetute due volte con la speciale dell'Argentiera che ospiterà la Power Stage finale. Da sottolineare inoltre che quest'anno ci sarà un'attività ludico turistica ad Alghero con il villaggio della Coldiretti, e una presenza importante del Villaggio Sardegna, e che ci saranno anche una serie di attività legate alla speciale di Olbia, per festeggiare il 50° compleanno del mondiale rally, il 60° anniversario della Costa Smeralda ed il 150° della Pirelli. Ci sarà anche l'importante ritorno di RIS Experience, con apposite aree privilegiate a pagamento previste per quegli spettatori che vorranno usufruirne, un'iniziativa che era già stata adottata con successo sino al 2019. (ITALPRESS). gm/com 22-Mar-22 13:02

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mondiali2022: Portogallo. Anthony Lopes out, convocato José Sa’

Articolo successivo

ManoManoPro lancia l’app per guidare la crescita delle PMI

0  0,00