Tennis: Swiatek “Ho pianto per addio Barty, sarebbe speciale essere n.1”

1 minuto di lettura

La polacca: "Rispetto molto la scelta di Ash, sono triste e ci mancherà" MIAMI (STATI UNITI) (ITALPRESS) – A Miami si è alzato il sipario sul terzo WTA 1000 della stagione. Tra sorprese, conferme e delusioni, il circuito femminile inizia a pensare al "dopo-Barty", con un velo di tristezza per l'addio al tennis della campionessa australiana. Qualora la 'aussie' scegliesse di farsi rimuovere dalla classifica WTA, decisione che ovviamente non è in alcun modo obbligata a prendere, Iga Swiatek sarebbe automaticamente la nuova numero 1 del mondo. "Onestamente non ero a conoscenza di questa regola – sorride la polacca, numero 2 del ranking – perché non ho seguito altri atleti che si stavano ritirando. L'emozione? È stata forte, certo. Ad ogni modo preferisco non parlarne dal momento in cui spetterà esclusivamente a lei l'ultima parola". Dal sogno alla realtà. "Diventare numero 1 non potrebbe essere altro che qualcosa di speciale. Dopo Indian Wells era un mio obiettivo, non lo nego, ed è molto strano che in due giorni possa essere cambiato tutto. Ero in camera, sul letto, quando un membro del mio team mi ha dato la notizia. Abbiamo parlato un po' analizzando i possibili scenari, poi siamo tornati presto a concentrarci sul torneo e sul lavoro che dovremo svolgere insieme". Non tutti gli sportivi riescono ad anteporre la felicità personale. "Rispetto molto la scelta di Ash – prosegue Swiatek – e penso davvero che sia stata coraggiosa ad aver preso questa decisione perché quando la gente si aspetta tanto è difficile fermarsi e mettere la propria felicità al primo posto. Che tutto questo possa essere da esempio non solo per noi tennisti, ma per ogni persona. Ciascuno di noi dovrebbe pensare a ciò che desidera veramente, non a quello che vogliono gli altri. Quando si è atleti professionisti è una presa di posizione difficile da assumere. Faccio ancora fatica a metabolizzare la notizia, non ho potuto fare a meno di piangere. Ho sempre pensato ad Ashleigh come alla giocatrice completa, quanto a fisico, classe e mentalità. La ammiravo e continuerò a farlo. Sono triste adesso, ci mancherà". (ITALPRESS). mc/com 24-Mar-22 10:30

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Incendi vicino Chernobyl. Kiev “Distrutta una nave russa”

Articolo successivo

Calcio: Ghirelli a Reggio Emilia “Acutis è già patrono della Lega Pro”

0  0,00