Ciclismo: Giro Fiandre. Debutta Pogacar “Sto bene ma non mi illudo”

1 minuto di lettura

Lo sloveno sarà affiancato da Trentin: "Farò tesoro della sua esperienza" ROMA (ITALPRESS) – Prosegue la campagna del nord per l'UAE Team Emirates, pronta ad affrontare prima la Dwars door Vlaanderen (30 marzo), per poi schierarsi al via della seconda classica monumento della stagione, ovvero il Giro delle Fiandre (3 aprile). In entrambe le competizioni, la formazione emiratina sarà diretta dai tecnici Fabio Baldato, Aart Vierhouten e Marco Marcato. Sarà Matteo Trentin, in virtù della sua esperienza, a fungere da uomo guida di una formazione di livello che includerà Tadej Pogacar, al debutto nelle classiche del pavè. "Sono contento di poter correre nelle Fiandre – le parole del fuoriclasse sloveno – La storia ciclistica e la passione per la bici sono uniche in Belgio, non vedo l'ora di fare parte di questi eventi. Cosa aspettarmi? La forma è buona, quindi la speranza è quella di poter essere vicino ai migliori, ma non mi faccio illusioni a riguardo di queste gare: qui tutto è differente rispetto a una gara normale. Proverò ad assimilare tutto quanto possa essermi utile per ben figurare e cercherò di apprezzare il più possibile questi appuntamenti. Il mio compagno di squadra Matteo Trentin conosce queste gare bene come nessuno, quindi in squadra faremo tesoro della sua esperienza. Per me si tratta di un passo verso qualcosa che ancora non conosco, questo mi suscita un grande entusiasmo". "Sto ancora lavorando per tornare al massimo della condizione dopo la pausa forzata seguita alla mia caduta alla Parigi-Nizza, ma guardo al Giro delle Fiandre con ottimismo – spiega invece Trentin – Conosco bene la corsa e questo conta molto nelle classiche del nord. Ritengo che Tadej possa fare bene anche qui, può adattarsi senza problemi alla differente modalità di correre richiesta in queste gare. E' sempre un piacere correre con lui e non ho dubbi sul fatto che andrà forte. Abbiamo un gruppo in grado di ottenere validi risultati: se ci trovassimo con un buon numero di compagni di squadra nel gruppo di testa in vista del finale, allora potremmo ambire davvero a toglierci belle soddisfazioni". (ITALPRESS). mc/com 29-Mar-22 12:16

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pnrr, la guerra in Ucraina cambia lo scenario

Articolo successivo

Pnrr, Draghi: “Colmare gli insopportabili divari territoriali”

0  0,00