Mea culpa IWF su doping nei pesi, Urso “Apertura importante”

3 minuti di lettura

"Non accettiamo alcuna forma di doping nella nostra disciplina e stiamo facendo tutto per cacciare coloro che ne fanno uso". ROMA (ITALPRESS) – La Federazione Internazionale di Sollevamento Pesi (IWF) prende una posizione netta nella lotta al doping a seguito della squalifica dell'atleta kazako Nijat Rahimov, oro nella categoria 77 kg a Rio 2016. Per la prima volta nella sua storia l'IWF ammette gli errori commessi in passato, rilanciandosi però con l'assenza di casi di positività ai Giochi di Tokyo 2020. "Sebbene in passato siano stati commessi errori, cosa che l'IWF riconosce, sono state adottate misure forti e decisive affinché la situazione nel sollevamento pesi migliori" scrive in un comunicato, citando direttamente le parole del Presidente ad Interim, Michael Irani: "Purtroppo, in passato, avevamo una cultura del doping. Il comitato esecutivo dell'IWF riconosce questo problema e negli ultimi tre anni ha deciso di investire milioni di dollari nei test antidoping e nello sviluppo di uno sport pulito, per garantire il rinnovamento del sollevamento pesi. Non accettiamo alcuna forma di doping nella nostra disciplina e stiamo facendo tutto il possibile per cacciare coloro che ne fanno uso". Un comportamento che non poteva passare inosservato agli occhi del Presidente FIPE Antonio Urso, per 12 anni alla guida della Federazione Europea, che ha fatto della lotta al doping una bandiera personale. È stato lui a risanare l'ambiente europeo, ed è stato lui, in barba ad un ambiente a dir poco ostile alle sue "idee di pulizia", a denunciare per anni i comportamenti illeciti dell'ormai ex n°1 IWF, Ajan. "Cinque anni fa in un accesissimo esecutivo della Federazione internazionale, chiesi che a fare i controlli antidoping ci fosse un'agenzia esterna. La discussione durò ore e si arrivò alla conclusione che la IWF continuò a fare questi controlli internamente; di fatto, quindi, non era cambiato nulla. È iniziato a cambiare qualcosa quando finalmente l'Esecutivo si è reso conto di non avere altre alternative e ha dato il benvenuto all'ITA (International Testing Agency) all'interno della IWF per i controlli antidoping. È ovvio che la presenza dell'ITA non può essere la soluzione al problema ma da quando c'è, le sacche di risultati dubbi si sono notevolmente ridotte. Ancora prima che arrivasse l'ITA però, avevamo affrontato e risolto il problema all'interno dell'EWF, perché c'era stata una presa di coscienza da parte delle singole Federazioni che il doping non era e non è una soluzione percorribile per arrivare allo scopo. Lo avevamo risolto, quindi, attraverso un percorso culturale. Se oggi l'IWF festeggia un'Olimpiade priva di casi di positività non posso che esserne felice, perché vuol dire che l'idea posta in essere cinque anni fa e bocciata in quell'esecutivo, oggi si dimostra essere vincente. Credo che l'ITA debba fare non solo attività di controllo antidoping ma anche di intelligence, un lavoro statistico sulla crescita dei risultati degli atleti, per capire come si muovono i numeri in alcune Nazioni, ma spero che questo rappresenti il prossimo step; quel che è certo è che i soli controlli antidoping fatti in competizione valgono veramente poco". Un percorso che non solo bonificherebbe l'intero sistema, ma che al contempo lo renderebbe anche più spettacolare:"Paradossalmente – prosegue Urso – alla pesistica non serve un uomo che faccia record straordinari e fuori misura; per far diventare spettacolare questo sport serve che in ogni categoria ci siano diversi atleti che possano far risultati importanti, dove tra loro c'è la competizione, che rende viva e interessante la gara stessa. Serve agonismo sano. Questo lo abbiamo visto già in diverse edizioni degli ultimi campionati europei, dove il 55% delle Nazioni che hanno partecipato hanno vinto una medaglia. Questo significa che c'era una pari distribuzione delle possibilità, non erano sempre gli stessi (pochi) a vincere, perché sul podio poteva salire chiunque a condizione che lo 'starter' fosse uguale per tutti. In queste condizioni anche i nostri ragazzi sono riusciti a dare un segno importante". Ne sono testimonianza viva le tre medaglie olimpiche di Tokyo 2020 con Giorgia Bordignon, Nino Pizzolato e Mirko Zanni, e i grandi risultati a livello internazionale: nel quadriennio appena trascorso, l'Italia ha infatti conquistato 223 medaglie contro le 130 del quadriennio 2013/2016. "Mi auguro che sia la IWF, sia l'ITA, sia il CIO possano vedere in prospettiva come indirizzare in maniera ancora più chirurgica i controlli, che non devono crescere in termini quantitativi ma qualitativi. È il 'dove' e 'quando' che fanno la differenza. Che qualcosa stia cambiando lo vediamo dal fatto che per la prima volta l'IWF ammette delle responsabilità, che stanno non solo in capo a chi ha permesso questo sistema ma anche in capo a chi questo sistema lo ha avvalorato e non lo ha mai denunciato. Questa ammissione mi sembra un'apertura importante; spero che vi corrispondano anche una serie di azioni altrimenti rimarrebbero solo delle parole e niente di più. Questa ammissione, dal mio punto di vista, è quindi apprezzabile ma spero non sia tardiva perché solo se fosse corrisposta da un progetto vero, serio e uguale per tutti, l'anima di questa disciplina sportiva potrebbe risanarsi e consentirci di rimanere nel programma olimpico anche in futuro". (ITALPRESS). gm/red 31-Mar-22 18:45

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Lavoro, 20 anni dopo la lezione di Marco Biagi è ancora attuale

Articolo successivo

Covid, 73.195 nuovi casi e 159 decessi in 24 ore

0  0,00