Koulibaly “Amo Napoli, inseguiamo un sogno”

2 minuti di lettura

Il difensore senegalese: "Mancano otto 'finali', dovremo lottare" NAPOLI (ITALPRESS) – "Mi sento napoletano. Amo Napoli. Vogliamo conquistare un sogno". Così Kalidou Koulibaly, ai microfoni di Radio Kiss Kiss, a due giorni dalla trasferta di Bergamo. Il difensore è rientrato dagli impegni con la Nazionale del Senegal ed è pronto a dare il proprio contributo alla causa azzurra per il rush finale del campionato. "Il 2022 è iniziato benissimo con la Nazionale, spero di portare ai Mondiali anche un pezzo di Napoli con me. Adesso però sono concentrato al massimo per inseguire un sogno assieme alla nostra città", ha detto Koulibaly. "Mancano 8 partite che possono essere tante o anche poche. Saranno 8 'finali' e dovremo lottare una gara alla volta. Sarà molto dura, ma noi ci saremo perché, ripeto, abbiamo un sogno nel cuore, come tutti i tifosi azzurri nel Mondo", ha aggiunto il difensore del Napoli. "Ora la testa è solo a domenica. A Bergamo sarà una sfida difficilissima, abbiamo sempre sofferto con loro. L'Atalanta è una grande squadra però anche noi siamo all'altezza e dobbiamo dimostrare che siamo un gran gruppo. Mancheranno giocatori importanti, è vero, ma abbiamo una rosa competitiva e possiamo dire la nostra. Giochiamo su un campo durissimo, bisognerà disputare una partita di grande intensità", ha precisato Koulibaly. "Sarà importantissimo non subire reti: con Verona e Udinese abbiamo vinto ma abbiamo anche preso gol. Dovremo tornare a tenere la porta inviolata, perché se non prendi reti poi lì davanti abbiamo grane qualità per segnare", ha continuato il senegalese. "Domenica non ci sarà Victor Osimhen ma ci sarà Mertens. Dries è un grande campione, è un uomo fantastico, è il nostro Ciro e abbiamo tanta fiducia il lui. Dries sa benissimo cosa fare in campo e spero che domenica possa continuare a segnare, come ha sempre fatto", ha detto ancora Koulibaly. "Con Spalletti il rapporto è stupendo. Appena è arrivato mi sono messo a sua completa disposizione, lui mi ha insegnato tanto e sto dando tutto me stesso per soddisfarlo. Io so che posso contare su di lui e lui sa che può contare su di me. Abbiamo un rapporto bellissimo anche umanamente. Quando abbiamo perso qualche partita, soprattutto contro il Mialn, il mister ci ha sempre dato carica e ci ha aiutato a rialzarci. Questa energia è molto importante per il gruppo", ha spiegato poi il "Comandante", soprannome inventato proprio dall'allenatore azzurro. "Cittadinanza onoraria? Sarebbe un bellissimo riconoscimento. Ci tengo tanto a Napoli, alla città, alla gente, all'ambiente e ai tifosi. Mi sento napoletano e sono attaccatissimo a questa terra. Amo Napoli e vorrei condividere tante gioie con i napoletani. Il calciatore passa ma l'uomo resta e io vorrei restare per sempre nel cuore dei napoletani", ha continuato Koulibaly. Chiusura sul razzismo: "Sappiamo che anche oggi ci sono episodi di razzismo soprattutto negli stadi. Ma dobbiamo continuare a cacciare il razzismo da calcio e dal mondo. Io e altri miei compagni proseguiremo a lottare contro questo fenomeno, perchè siamo tutti uniti e non esistono divisioni di razza e di lingua". (ITALPRESS). pdm/com 01-Apr-22 14:58

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Kinto traccia la direzione verso una mobilità più sostenibile

Articolo successivo

A Reggio Calabria il nuovo treno ibrido Blues di Trenitalia

0  0,00