Calcio: Champions, Klopp “Benfica avversario tosto ma noi ormai maturi”

1 minuto di lettura

Liverpool di scena a Lisbona nell'andata dei quarti LIVERPOOL (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – "Il Benfica ha qualità ed esperienza, è una sfida interessante come è giusto che sia". A Jurgen Klopp non piacciono i pronostici, il tecnico tedesco non dà peso al fatto che il Liverpool parta favorito ma è al contempo consapevole che se i Reds giocano come sanno, niente è fuori portata. "Io non penso a cosa migliorare ma a come esprimerci al massimo. È questo il piano, in tutte le partite. Il Benfica non sarà forse nella posizione che vorrebbe in campionato ma è un avversario tosto. Se Luis Diaz ci ha dato qualche dritta? Ci ha provato ma non abbiamo capito una parola – la battuta di Klopp sul fresco ex Porto arrivato ad Anfield a gennaio – Ma con lui, Vitos Matos, Pep Lijnders e Diogo Jota abbiamo abbastanza esperti di calcio portoghese anche se poi analizzeremo l'avversario come facciamo con tutti". Tutti a disposizione tranne Alexander-Arnold però prossimo al rientro ("in 4-5 giorni sarà pronto"), compreso un Salah apparso appannato sabato. "E' un periodo duro per lui e Sadio, tornavano dagli impegni internazionali ma lo vediamo ogni giorno, non c'è niente di cui preoccuparsi. Il rinnovo? Le parti ne stanno parlando ed è tutto quello che mi serve sapere". In semifinale di FA Cup, una Coppa di Lega già in bacheca, un solo punto di ritardo dal City capolista in Premier e un cammino in Champions approdato già ai quarti: ad Anfield sognano uno storico 'quadruple'. "Sappiamo tutti che basta un piccolo passo falso per far sfumare anche una sola competizioni – mette le mani avanti Klopp – Ma non è un problema per noi, siamo pronti per la prossima sfida. Ci attende un aprile intenso ma va bene, è la situazione che sognavamo". Il tecnico tedesco è però certo di avere fra le mani un Liverpool ormai capace di gestire i tanti impegni ravvicinati. "La squadra è molto matura ma non è l'unica cosa che serve. Servono desiderio, mentalità, entusiasmo. La maturità non è una cosa che puoi comprare ma l'acquisisci con l'esperienza. Prima giocavamo partite in cui eravamo sopra 1-0 e continuavamo a correre come i matti. Voglio che i miei giocatori pensino nel modo giusto ed è quello che ho visto sabato", il riferimento al 2-0 sul Watford. (ITALPRESS). glb/red 04-Apr-22 16:13

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ucraina, Renzi: “Servono mediatori a tutti i livelli”

Articolo successivo

Calcio: Real, Tuchel fra candidati panchina se Ancelotti via

0  0,00